Immobile ha giocato solo quattro minuti nell’ultimo mese di campionato, ma per lui sono arrivate delle dichiarazioni importantei.

Nonostante il ko contro la Juventus di Massimiliano Allegri nell’ultimo turno di campionato prima della sosta per lasciare spazio al Mondiale in Qatar, la Lazio ha sicuramente disputato un ottimo campionato. I biancocelesti, di fatto, hanno chiuso questa prima parte di stagione in piena zona Champions League.

Immobile esulta
Ciro Immobile (LaPresse)

La squadra guidata da Maurizio Sarri, infatti, occupa insieme all’Inter il quarto posto con tre punti di vantaggio sull’Atalanta quinta. Unica nota stonata di questi primi tre mesi di stagione è stata sicuramente la retrocessione dall’Europa League alla Conference League. 

Non bisogna dimenticare che la Lazio ha dovuto fare a meno nell’ultimo mese del suo calciatore più rappresentativo, ovvero Ciro Immobile. Il centravanti, di fatto, ha giocato solo quattro minuti contro il Monza dall’infortunio al bicipite femorale rimediato contro l’Udinese lo scorso 16 ottobre. Proprio sull’attaccante, intanto, ci sono state delle dichiarazioni molto importanti. 

Muriqi esulta
Muriqi (LaPresse)

Lazio, Muriqi su Ciro Immobile: “Non ho mai visto un giocatore così forte”

Vedat Muriqi, ex giocatore del Lazio ed ora al Maiorca, ha infatti parlato così al ‘Corriere dello Sport’ di Immobile: “C’è poco da dire, è un attaccante straordinario. Ciro scende sempre in campo perché riesce a segnare in ogni partita. E’ molto difficile fare il suo vice, considerando che in area di rigore è un vero killer. Non ho mai visto un giocatore così forte, forse solo Lewandowski”.

Il calciatore kosovaro ha poi concluso il suo intervento: “Alla Lazio sono arrivato infortunato, presi il Covid, e passare dal campionato turco a quello italiano non è stato affatto facile. In Serie A il livello è molto più alto. Non ero pronto fisicamente ed il primo anno sono andato in difficoltà, nonostante l’elevato minutaggio. E’ stata solo colpa mia, se sei un grande calciatore devi mostrarti all’altezza, anche dal punto di vista mentale”.