L’intervista di Gazidis al ‘Corriere della Sera’ potrebbe aprire una polemica all’interno del mondo del calcio. Ecco le sue parole molto dure.

Ivan Gazidis
Ivan Gazidis (screenshot video YouTube)

Gazidis al Corriere della Sera si confessa e critica in modo molto duro l’attuale mondo del calcio. Il dirigente del Milan è tornato a chiedere un cambiamento e dare più spazio a uomini e donne. “Si tratta di una questione molto complessa – ha detto l’ex Arsenal – una volta si poteva nutrire un interesse per questo sport e poi per la musica e la moda. Ora ci sono i social e proprio con loro bisogna interagire […]. Io non penso che questo sia percepito anche perché la maggior parte dei dirigenti sono vecchi uomini bianchi. In questo modo non si può andare avanti. Sempre un cambio generazione per consentire al calcio di ritornare ai livelli di una volta […]“.

LEGGI ANCHE <<< Serie A, il Milan replica all’Inter: sono loro le favorite per lo Scudetto?

Serie A sempre più straniera

Ivan Gazidis
Ivan Gazidis (screenshot video YouTube)

Le parole di Gazidis sono un invito al calcio italiano a scommettere sui giovani almeno come dirigenti. La nostra Serie A con il passare degli anni sta diventando sempre più straniera e sono davvero poche le società che hanno mantenuto per diverso tempo la stessa presidenza e dato spazio ai giovani.

LEGGI ANCHE <<< Calhanoglu fa infuriare i tifosi del Milan: “Se segno al derby…”

Un calcio che, almeno secondo Gazidis, ha bisogno di cambiamento e il dirigente del Milan ha ribadito la necessità di aprire una collaborazione importante con i social per poter avvicinare più possibili al calcio. Un percorso che non si preannuncia sicuramente semplice e soprattutto breve. Non c’è più in questi anni un interesse come una volta verso il calcio e lo dimostrano le presenze allo stadio prima della pandemia. Ora questo mondo è cambiato a cambiare e per farlo serve anche una rivoluzione a livello dirigenziale. L’arrivo degli americani potrebbe consentire di portare novità come gli stadi di proprietà. Un primo passo verso un calcio più moderno e sicuramente più inclusivo rispetto al passato.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM