Green Pass, il consigliere regionale Barillari denuncia: “Sono bloccato”

Questione Green Pass, arriva la denuncia da parte del consigliere regionale del Lazio, Davide Barillari. Quest’ultimo si è voluto lamentare con un collegamento video

Davide Barillari (screenshot video YouTube)

Non può accedere all’ingresso del Consiglio regionale del Lazio perché non possiede il certificato verde. E’ quello che è accaduto a Davide Barillari. L’ex appartenente al ‘Movimento dei 5 Stelle’ doveva partecipare ad una seduta straordinaria che si è tenuta alla Pisana. C’erano tutti, tranne lui. Gli addetti alla vigilanza non lo hanno fatto passare. Nel frattempo lo stesso consigliere ha voluto denunciare ed ha testimoniato il tutto con un collegamento video. Queste alcune delle sue parole: “Questa mattina sono stato bloccato fisicamente perché non avevo il Green Pass obbligatorio. Chiedo che sia permesso a tutti i consiglieri l’ingresso prima del 15 ottobre, così come è previsto“.

Lo stesso ha voluto ribadire il concetto anche sul suo profilo ufficiale Facebook con un post: “Fa niente se la legge nazionale appena approvata prevede che solo dal 15 ottobre 2021 tutti i dipendenti pubblici dovranno esibirlo per entrare a fare il loro lavoro. Attorno a me avevo 15 persone tra poliziotti, carabinieri e Digos che vogliono accompagnarmi in commissariato per fare la denuncia. Il tutto per un consigliere senza certificato che potrebbe collegarsi da casa e votare se è necessario“.

LEGGI ANCHE >>> Barillari, gesto shock in consiglio regionale Lazio: pistola al braccio – FOTO

Barillari: “Non mi aspettavo solidarietà da nessuno

Se si aspettava solidarietà da qualcuno? No: “Nemmeno da chi in Parlamento fa finta di essere contro il Green Pass. Se lasciamo passare tutto questo come una cosa normale non potrà mai esserci un “futuro”. Se anche i rappresentanti eletti dai cittadini sono bloccati da uno schieramento di forze per poter accedere in una aula pubblica non si può andare da nessuna parte“.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Green Pass pubblicato in Gazzetta Ufficiale, c’è una novità

Ci ha tenuto a precisare che la questione rivolta al Covid e ai vaccini non c’entra assolutamente nulla: “Stiamo parlando solo di DEMOCRAZIA“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Impostazioni privacy