Gran Bretagna, clamoroso passo indietro sul ‘Green Pass’ da parte del Segretario di Stato per la salute, Sajid Javid. Le dichiarazioni di quest’ultimo stanno facendo molto rumore in una situazione critica come quella che stanno vivendo gli inglesi per via del Covid

Gran Bretagna, passo indietro del responsabile alla salute per il ‘Green Pass’ (screenshot video YouTube)

Ci stavano seriamente pensando, proprio come lo hanno fatto e poi attuato in Italia. La Gran Bretagna è stata molto vicina ad accettare il ‘Green Pass‘ per poter accedere nei locali al chiuso. Sembrava fatta, ma all’ultimo minuto (un po’ come capita nel calcio) è cambiato tutto. Ad annunciarlo ci ha pensato il responsabile della salute, Sajid Javid. Niente certificato verde per poter andare ai ristoranti, ai grandi eventi in Inghilterra.

Javid ne ha parlato direttamente alla ‘BBC‘. Questo il suo pensiero: “Non bisogna fare le cose tanto per farle. Dire alle persone di mostrate i loro documenti è una idea che non mi è mai piaciuta. Ne abbiamo parlato a lungo anche con gli altri componenti e siamo arrivati alla decisione che non attueremo il ‘Green Pass’ in Gran Bretagna’. Una notizia shock se si pensa che, alla fine del mese di settembre, era tutto pronto.

LEGGI ANCHE >>> Scuola, domani il ritorno: Green Pass e mascherine, quello che serve sapere

Gran Bretagna, niente ‘Green Pass’: cosa ne pensa il popolo?

La Gran Bretagna ha ufficialmente dichiarato che non attuerà il ‘Green Pass’ (come è stato fatto in Italia già da più di un mese) per poter accedere nei luoghi chiusi. In Inghilterra, come sorta di documento, basterà presenterà un foglio in cui si attesta che il cittadino si è sottoposto alle due dosi del vaccino per combattere il Covid-19.

Non solo: può anche presentare il documento in cui si attesta che il suo tampone è risultato negativo oppure anche per il fatto che ha rispettato il periodo di quarantena dopo aver contratto il virus.

LEGGI ANCHE >>> Green pass scuola, polemiche sull’obbligo ai genitori: “Norma pericolosa”

Una buona notizia per i gestori delle discoteche e anche degli altri locali che erano contrati alla certificazione verde (la maggior parte di loro). Anche molti utenti inglesi, sui social network, hanno manifestato la loro approvazione in merito a questa scelta del governo.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL!    INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM