Salvini e Meloni dopo le discussioni sui alcuni temi caldi tornano a dialogare. Alleanza pronta, e le dichiarazioni aprono ad una nuova fase. 

Salvini
Matteo Salvini rafforza l’alleanza con Fdi (screenshot video YouTube)

Pace fatta fra Salvini e Meloni. Anzi, sarebbe il caso di dire che le parti si sono ritrovate, perché una vera rottura non c’è mai stata. Solo differenze di vedute, su lotte e battaglie comuni, ma affrontate in maniera diversa. Il punto d’arrivo è sempre quello però. Raccogliere le forze del centrodestra su una linea programmatica condivisa, per rafforzare l’alleanza e puntare dritto a governare il paese. E quel piccolo strappo, forse più mediatico che reale, è stato ricucito con tanto di chiacchiere, sorrisi, stratte di mano.

A Cernobbio, a margine del workshop, i leader di Fdi e Lega hanno condiviso alcuni momenti prima di una dichiarazione chiara della Meloni, che rafforza un patto per il paese. “Io non ho nessun piano B per le alleanze”, ha affermato. E le sue parole sono la testimonianza di quanto stia accadendo all’interno del centrodestra.

Meloni e Salvini, alleanza per governare il paese: “Saremo compatti”

Salvini
Matteo Salvini e la Meloni si dicono pronti a governare il paese (Youtube)

Nessun piano b quindi. Non solo, perché la Meloni lancia messaggi chiari. “Il sostegno che è stato dato da noi e Lega al governo Draghi è una fase eccezionale, perché i Governi di larghe intese hanno al loro interno visioni alternative. E non possono funzionare”. Poi un messaggio ancora più diretto ad alleati e agli altri partiti. “Per me c’è solo l’alleanza di centrodestra, con Lega e Forza Italia, e spero che per loro valga lo stesso. Sono convinta che nel 2023 andremo al voto compatti, e che il paese ci darà il consenso per governare l’Italia”.

Leggi anche: Minacce di morte, la Meloni attacca: “Cosa dirà chi parla di clima d’odio”

Niente rotture quindi, anzi la conferma social di Salvini, che su una foto postata con lui e la Meloni intenti a chiacchierare scrive: “Bella coppia vero? Siamo pronti a governare il paese”.