Riforma campionati, parla il presidente della FIGC, Gabriele Gravina, al termine del Consiglio Federale. Tantissime le novità che potrebbero arrivare a breve e anche nelle prossime stagioni

effetto gravina
Gabriele Gravina (screenshot video Youtube)

Durante il Consiglio Federale che si è svolto fino a pochi minuti fa, è intervenuto il presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio, Gabriele Gravina, che ha parlato di possibili cambiamenti nel mondo del pallone. Tantissime le novità. A partire dalla Serie A che rimarrà a 20 squadre (si era parlato ad una riduzione a 18), queste le sue parole in merito: “Parlare di numeri è una cosa che non mi affascina molto”.

Sulla riforma dei campionati?Non ci sarà solamente un cambiamento di format, ma di una vera e propria rivoluzione con un impatto a livello di sostenibilità e di stabilità del sistema”.

Possibile fusione di due campionati? Dal 2024 è possibile ed ha spiegato anche il motivo: “Tre livelli di professionismo non sono più sostenibili. Ho proposto una fusione tra la Serie B e la Serie C a partire dalla stagione 2024/25. Solo per arrivare a condizioni di sostenibilità migliori del sistema”.

LEGGI ANCHE >>> Christian Eriksen può tornare in campo? Le parole di un membro del CTS della FIGC

Nel mese di novembre si svolgerà una nuova riunione della Figc, una assemblea straordinaria, per prevedere la creazione di una ‘C Elite’ e una ‘D Elite’ (questo, solamente, a partire dalla stagione 2022/23): “Bisogna aggredire una delle criticità  economiche più grandi del sistema, quello del salto di categoria”.

Infine sul rientro del pubblico negli stadi: “Non si può applicare il limite del 50%. Non possiamo permetterci di occupare un sediolino sì e l’altro no. Abbiamo chiesto al Governo di applicare una occupazione a scacchiera”.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM