Morte George Floyd, è arrivata la condanna per Derek Chauvin, il poliziotto che uccise l’afroamericano il 25 maggio del 2020 a Minneapolis 

Morte George Floyd, condannato Derek Chauvin (screenshot video YouTube)

Poche ore fa è arrivata la condanna per Derek Chauvin. l’ex poliziotto che il 25 maggio del 2020 ha ucciso brutalmente l’afroamericano George Floyd. Quest’ultimo ha perso la vita dopo che lo stesso Chauvin mise, per molti minuti, il suo ginocchio sul collo del quarantasettenne fino a togliergli, per sempre, il respiro. Il brutale video fece il giro del web e da quel giorno, in America, ci furono tantissime manifestazioni contro i poliziotti a sostegno di Floyd.

LEGGI ANCHE >>> Italia-Galles, 6 calciatori azzurri non si inginocchiano al ‘BLM’: chi sono

E’ arrivata la decisione finale del giudice Peter Cahill che ci ha tenuto a precisare: “Una decisione che non è assolutamente basata sulle emozioni e non ho intenzione di veicolare alcun messaggio“. L’ex poliziotto è stato condannato a 22 anni e mezzo di carcere. La famiglia della vittima, poco prima che iniziasse il processo, aveva chiesto il massimo della pena: “Dargli dai 12 ai 15 sarebbe deludente“. Non sono bastate le scuse dell’assassino verso i suoi familiari: “Voglio fare le mie condoglianze alla famiglia Floyd“.

Toccante il messaggio della figlia, dell’afroamericano, di soli sette anni che in un’intervista ha dichiarato: “Mi manca giocare con il mio papà“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Morte George Floyd, le parole dei suoi fratelli

L’accusa chiedeva almeno trent’anni per Chauvin perché, quest’ultimo, lo ha “torturato“. Proprio perché l’ex poliziotto, per nove ed interminabili minuti, non ha avuto pietà dell’uomo che stava implorando per la sua vita.

Morte George Floyd, condannato Derek Chauvin (screenshot video YouTube)

Philonise Floyd, fratello di George, spera che il killer sconti tutti gli anni in carcere: “Non ha avuto nessun riguardo per la sua vita“. Queste, invece, le parole di Terrence Floyd alla ‘Cnn’: “Se lo avessi fatto a tuo fratello come ti sentiresti? Combattere si può, ma non con l’odio nel cuore“.

Anche il presidente americano Joe Biden ha voluto rilasciare qualche dichiarazione in merito al processo: “Non sono a conoscenza di tutte le circostanze, ma posso dire che il verdetto mi sembra giusto“.