A poche ore dal suo compleanno Emilio Fede ha vissuto una situazione veramente spiacevole, svegliato alle 4 in hotel dalla polizia. Ma cosa è successo?

Emilio Fede

Il noto giornalista, per anni colonna portante del Tg4, si era recato a Napoli da Milano per partecipare al triste evento dei funerali della sua compianta moglie Diana De Feo. Si è trovato però di fronte a un controllo a sorpresa da parte della questura con due agenti che l’hanno svegliato alle quattro di mattina.

LEGGI ANCHE >>> Paolo Berlusconi e Maddalena Corvaglia

Giovedì pomeriggio era stato alla cerimonia per salutare la sua sposa deceduta a 84 anni nella chiesa di San Gennaro al Vomero. Si è poi ritirato in albergo ovviamente distrutto per i funerali. Proprio in hotel è stato sorpreso dai poliziotti che hanno effettuato un controllo dei documenti a sorpresa. Proprio Fede ha raccontato a Il Roma di essere stato svegliato con la richiesta di esibire autorizzazioni del Tribunale di Sorveglianza di Milano sul trasferimento a Napoli perché sta scontando i domiciliari per una condanna a quattro anni e sette mesi nel caso Ruby.

Emilio Fede, come mai è stato svegliato alle 4 dalla polizia?

Emilio Fede

Emilio Fede ha tuonato a Il Roma: “Non ho parole, è tutto vero. Ma in che paese siamo? Ho cercato di spiegare che ero stato autorizzato regolarmente per gravi motivi di famiglia, solo dopo un controllo meticoloso dei miei documenti e quelli della mia collaboratrice hanno lasciato la camera”. Quello che emerge dalle sue parole è sicuramente anche la grande paura per quanto accaduto.

LEGGI ANCHE >>> L’Italia pronta a cambiare

Si tratta di un episodio non nuovo visto che proprio lo scorso anno, sempre a Napoli, era stato arrestato con l’accusa di evasione dagli arresti domiciliari. Erano stati sei carabinieri in borghese a portarlo via mentre era a mangiare una pizza in un ristorante sul lungomare dove stava festeggiando il suo compleanno numero 89. La notizia ha fatto il giro del web con molti che si sono schierati dalla parte di Fede sottolineando la giustezza dell’intervento della polizia ma non l’orario in cui è stato effettuato.