Afghanistan, Joe Biden non ci sta e attacca. Il presidente americano è stato chiarissimo nella conferenza di ieri dove ha parlato dei soldati americani e anche della situazione fuori controllo che si sta verificando a Kabul e in altre città

Joe Biden (screenshot video YouTube)

La situazione in Afghanistan, da qualche settimana, è decisamente fuori controllo. Lo sa bene anche il presidente degli Stati Uniti D’America, Joe Biden. Quest’ultimo è intervenuto in conferenza stampa e ha parlato di alcuni temi caldi, specie di quello che sta accadendo a Kabul. Queste alcune delle sue parole: “E’ sbagliato chiedere ai soldati americani di combattere una guerra civile che gli stessi afghani non vogliono fare. Non abbiamo nessuna intenzione di sacrificare altre vite inutili. Non voglio ripetere errori del passato: restare e combattere non è nell’interesse della nazione”.

LEGGI ANCHE >>> Afghanistan, panico a Kabul. Interviene Salvini: “La Fallaci aveva ragione…”

Il presidente americano ha continuato dicendo che gli americani sono andati in Afghanistan, più di 20 anni fa, quando furono attaccati l’11 settembre del 2001. Una volta che ha preso il posto di Trump ha ereditato l’accordo che gli era stato lasciato con i talebani. Quale? Che le forze americane avrebbero dovuto lasciare il luogo il primo maggio di quest’anno. Ha ribadito che non ha mai cambiato idea è che quella di ritirare i soldati americani non è mai stata una sua opzione. Sono stati spesi più di un trilione di dollari per addestrare le forze armate.

Errori del passato? Non li farò. Nessuna vita deve essere sacrificata“. Per chiudere un messaggio rivolto ai talebani che hanno preso possesso del paese: “Se necessario difenderemo il nostro popolo anche con forza devastante nel caso in cui gli stessi talebani dovessero attaccarci“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM