Denunciato un uomo insieme a 76 furbetti del reddito di cittadinanza: l’imprenditore voleva assumerlo, lui lo picchia. Fermati in 78.

reddito cittadinanza imprenditore picchiato
Imprenditore picchiato per il reddito di cittadinanza (Youtube)

“Non voglio essere assunto, così perdo il reddito di cittadinanza”, e giù le botte. Un uomo è stato denunciato dopo il caos scatenato all’interno di una azienda agricola. Dopo un periodo di prova stava per scattare l’assunzione, così come dovrebbe accadere. E invece il bracciate non voleva rinunciare al reddito di cittadinanza. E avrebbe preferito continuare a lavorare a nero. Dopo la proposta però, dai fatti si è passati subito alla violenza, e l’imprenditore è stato prima ricoperto da insulti e poi colpito con una serie di pugni. É scattata la denuncia. Per lui e per altri 77 furbetti del reddito di cittadinanza, dopo la ricostruzione dei fatti e le indagini.

Leggi anche: L&’ex pusher, la colf, il portiere: scoperti 108 furbetti “extralusso” del reddito

Picchia l’imprenditore per il reddito e parte l’indagine: 78 indagati, 750 mila euro di “buco”

carabinieri furbetti reddito
Fermati 78 furbetti del reddito di cittadinanza (Youtube)

L’imprenditore ha immediatamente denunciato l’accaduto, ed è partita una indagine che ha permesso ai militari di Agrigento e Sciacca di smascherare e denunciare 78 persone fra Porto Empedocle, Licata, Naro, Favara e proprio Agrigento. Emblematico il caso della violenza sull’imprenditore preso a pugni dopo aver proposto il contratto al bracciante di origine rumena che non voleva perdere il reddito.

Nell’ambito dell’inchiesta però sono state verificate le posizioni di una madre e figlia che lavoravano in pizzeria. Ma anche di diversi pregiudicati. Nelle indagini sono emersi 750 mila euro erogati a chi non ne aveva alcun diritto, e adesso l’Inps revocherà il reddito e recupererà le somme.