Covid, l’Ordine dei medici manda un messaggio forte e chiaro a chi lavora nel mondo sanitario e non ha nessuna intenzione di vaccinarsi. Prevista una sospensione “ex lege”….

Covid, Ordine dei medici lancia un messaggio ai sanitari che non vogliono vaccinarsi (video screenshot YouTube)

Sospensione “ex lege” per i sanitari che non vogliono sottoporsi al vaccino. Ad annunciare questa notizia è la Fnomceo (Federazione degli ordini dei medici) con una nota inviata ai presidenti degli ordini provinciali. Questo il loro messaggio: “In merito all’obbligo di vaccinazione per prevenire il contagio dal Covid-19 per tutti coloro che praticano la professione sanitaria e tutti gli operatori, la Federazione è intervenuta presso il Ministero della Salute per capire l’interpretazione degli obblighi normativi con una nota del 17 giugno“.

LEGGI ANCHE >>> Covid, cìè chi se ne approfitta: chi sono i furbetti?

Lo stesso ministero ha voluto chiarire dicendo: “verrà sospeso dall’esercizio professionale chi non si sottoporrà al vaccino. Non solo: verranno presi provvedimenti seri da parte degli Ordini che di conseguenza adotteranno. Tutto ciò verrà comunicato direttamente all’ASL interessate, al datore di lavoro e agli Ordini professionali affinché prendano atto di tutto questo e che prendano i giusti provvedimenti“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Covid, Ordine dei medici minaccia: “Sospensione ex lege

In quel caso la sospensione verrà comunicata direttamente alla persona interessata dall’Ordine professionale. Lo stesso Ordine deve comunicare, tempestivamente al soggetto che non vuole vaccinarsi, la sospensione temporanea dal suo lavoro fino a quando non si sottoporrà al vaccino oppure entro (e non oltre) al 31 dicembre del 2021.

Covid, Ordine dei medici lancia un messaggio ai sanitari che non vogliono vaccinarsi (video screenshot YouTube)

In questa comunicazione, precisamente nei confronti del provvedimento di sospensione, è ammesso solo il ricorso amministrativo al TAR nei primi 60 giorni dalla data della notifica.