Serie A, arriva la proposta di Dazn: dalla prossima stagione ci saranno un sacco di novità per quanto riguarda gli orari delle partite del massimo campionato italiano

Diletta Leotta
Diletta Leotta (screenshot video YouTube)

Poco prima della fine del mese di marzo la Lega ha assegnato a Dazn i diritti tv della Serie A. Nulla da fare per Sky (dove se ne potranno vedere solamente tre). Lunedì 7 giugno potrebbe essere un giorno importante per tutti gli appassionati del campionato di Serie A. Si tratta di una vera e propria rivoluzione: dalla prossima stagione, infatti, le dieci partite del massimo torneo italiano potranno essere disputate in altrettanti dieci orari diversi. Tantissime le lamentele da parte dei tifosi delle squadre italiane sui social network che sono contrari allo “spezzatino”.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, da Allegri a Sarri: si chiude il valzer degli allenatori

Di questa proposta se ne parlerà direttamente nella prossima assemblea della Lega di Serie A che si svolgerà a Milano. A riportare questa indiscrezione è il quotidiano ‘Corriere della Sera‘. L’idea del servizio a pagamento dei video streaming è una e molto chiara: eliminare dei possibili blackout di traffico sulle proprie reti, proprio per evitare un sovraccarico di collegamenti in concomitanza con gli altri match.

Serie A, il piano di Dazn

Questo il piano di Dazn: il sabato si giocherebbero quattro incontri (il primo match alle ore 14:30, il secondo alle 16;30, il terzo alle 18:30 e l’anticipo serale alle 20:45). La domenica, invece, non cambia l’orario del lunch match (12:30). 14:30, 16:30, 18:30 e 20:45 gli orari delle restanti partite.

Diletta Leotta
Diletta Leotta (screenshot video YouTube)

Il lunedì si concluderà la giornata con la partita serale alle ore 20:45. Un vero e proprio spezzatino che, vale a dire, la fine del calcio italiano. Solamente i presidenti dei club possono decidere se accettare o meno questa proposta.