Maurizio Sarri, allenatore della Lazio, ha commentato l’eliminazione dall’Europa League dopo la sfida di Rotterdam contro il Feyenoord.

Il tecnico biancoceleste ha risposto alle domande dei giornalisti in conferenza stampa, con la Lazio accusata di presunzione: “Ha fatto una partita tosta, cinque minuti di difficoltà te li devi aspettare. Ha costruito cinque palle gol e concesso pochissimo agli avversari. Ho visto una squadra bella, pronta a giocare a calcio, a lottare. Non c’era l’atteggiamento dell’ultima mezz’ora con la Salernitana.

Sarri
Sarri (ANSA)

L’Europa League l’abbiamo compromessa con una partita, il resto fa parte della normalità. Un torneo che si fa in sei gare… una sfida in cui non solamente perdi ma comprometti le cose anche a livello di differenza reti è chiaro che ti metta in una difficoltà enorme. Nello spogliatoio ho visto rabbia per certi atteggiamenti venuti in campo, sconforto no”.

Dopo l’eliminazione, Sarri accusa i tifosi del Feyenoord

“Piovevano buste di piscio dalla tribuna dietro la panchina! Un po’ di fastidio ovvio che ci sia. Delle decisioni arbitrali non ne parliamo neanche. Un giocatore s’è permesso 7-8 falli da dietro, alla fine sono stati ammoniti i nostri. Nell’azione di gol ci sono due falli, l’azione inizia davanti alla panchina mia e c’è un fallo su Cancellieri. Poi Patric che è stato chiaramente spinto. Pelromeno andare a rivederla. Tutti i falli sono stati fatti dagli avversari, ma siamo stati ammoniti noi ogni volta”.

Chiosa finale su Immobile

Immobile presente al derby? Non ho assolutamente idea, è in mano ai dottori. Domani andrò a Formello e si avrà qualche idea in più. Faremo allenamento quando rientriamo domani, sabato staremo insieme tutto il giorno. Sia la mattina che il pomeriggio, due mini-allenamenti per preparare il derby. Assenza? Si fa sentire sempre e comunque. In certi momenti o in certe partite, non averlo è pesante. Non avevo dubbi che in qualche situazione ci sarebbe mancato tantissimo”. (riprese da Lalaziosiamonoi.it)