Roma, la statua di una “porchetta” ha fatto mandare su tutte le furie un gruppo di animalisti che ha chiesto la rimozione della stessa

Roma, statua “porchetta” (screenshot video YouTube)

Una vera e propria protesta quella attuata dagli animalisti contro una statua che è stata messa al centro nelle strade del cuore di Roma. Si tratta di una statua di una “porchetta”. Gli animalisti non ci stanno ed hanno iniziato una mobilitazione per far rimuovere il monumento. Ad aver realizzato ciò è Amedeo Longo, dell’Istituto ‘Rome University of Fine Arts‘.

Ci troviamo a San Giovanni della Malva, a Trastevere, dove l’intitolazione ha preso il nome di ‘Dal panino si va in piazza‘. Peccato che l’intento di questa statua era quello di rappresentare “un atto aggressivo e itinerante del consumare il cibo per le strade all’aria aperta“.

LEGGI ANCHE >>> Roma, uccide il datore di lavoro perché licenziato: arrestato a Napoli

Una giustificazione che non è bastata agli animalisti che hanno chiesto la rimozione immediata. L‘Aidaa (Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente) non ci sta e ha deciso di lanciare un lungo messaggio: “Proviamo ribrezzo dinanzi ad una tale schifezza. Si tratta di una mancanza di rispetto verso gli animali che sono i più uccisi e macellati nel mondo dell’Occidente“. Hanno lanciato un appello al Comune di Roma e al sindaco Virginia Raggi, affinché il monumento venga rimosso.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Roma, la statua della “porchetta” fa infuriare gli animalisti

Secondo David Nicoli, appartenente alla LAV (Lega Anti Vivisezione) si tratta di un’opera che “offende circa 300mila vegani e vegetariani della Capitale“. Le lamentele non sono mancate neanche sui social network dove sono stati espressi pareri negativi sia per la forma del monumento sia per il fatto che è stata posta al centro di uno dei simboli di Roma.

Arrivano anche le parole dello scultore : “Non avevo intenzione di offendere nessuno. L’intento era quello di invitare sia i turisti che i romani a mangiare un piatto tipico della nostra cucina“.