Il Recovery Plan italiano è stato finalmente approvato: entro il mese di luglio arriverà una grande cifra 

Mario Draghi
Premier italiano Mario Draghi (screenshot video YouTube)

Il premier italiano Mario Draghi, insieme al presidente della Commissione europea Ursula don der Layen, hanno dato l’ok al progetto italiano per l’accesso ai fondi del Recovery plan. Il tutto è accaduto a Roma, precisamente a Cinecittà. Entro il mese di luglio sono in arrivo 25 miliardi di euro (prima tranche).

LEGGI ANCHE >>> Europei, finale da Wembley a Roma? Downing Street risponde a Draghi

Dall’Europa, invece. verranno girati all’Italia 191,5 miliardi entro il 2026. Nel frattempo l’Italia ha promesso all’Europa di impegnarsi nel portare avanti alcune riforme. Lo stesso Draghi ha confermato che entro la fine del mese di giugno ci saranno novità per quanto riguarda la riforma degli appalti e delle concessioni. Mentre entro luglio la legge sulla concorrenza e la riforma della giustizia.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Recovery plan, il tweet della von der Leyen

Secondo alcuni dati della Commissione, almeno il 37% della spesa prevista sosterrà l’obiettivo climatico (obiettivo ridurre le emissioni almeno del 55% entro il 2030). Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza prevede quasi 70 miliardi di euro di trasferimenti, ovvero fondi dell’Unione Europea che non verranno restituiti, mentre 122,6 miliardi di prestiti a tasso di favore che la Commissione Europea farà all’Italia (solo dopo aver raccolto i capitali sui mercati).

Il Consiglio ha un mese di tempo per approvare il Pnrr italiano. Queste le parole della von der Leyen: “Mi rendo conto che voi italiani avete vissuto tempi durissimi, ma sono sicura che una volta uscendo dalla crisi avete ispirato un intero continente. Con il ‘Nex generation’ abbiamo l’obiettivo di riplasmare il continente“.