Roma, per colpa di alcuni bulli una 13enne ha deciso di togliersi la vita impiccandosi nella sua cameretta. La madre su Facebook: “Perdona tutto il male ricevuto”

Roma bullismo
Roma, 13 enne vittima di bullismo si suicida (video screenshot YouTube)

Togliersi la vita a soli 13 anni perché vittima di bullismo? Purtroppo è accaduto a Roma: una ragazzina, stanca delle offese e delle minacce che riceveva ogni santissimo giorno da vigliacchi e da chi si sentiva ‘superiore’, ha deciso di impiccarsi nella sua cameretta. “Sei brutta” “Senza di te si starebbe meglio” e altre stupide frasi che non si dovrebbero nemmeno immaginare né tantomeno dire, specialmente a dei ragazzini che incassavano colpi su colpi senza mai rispondere a tono.

Ieri le è stato dato l’ultimo saluto: la mamma, le sue insegnanti le ripetevano “Il tuo corpo è perfetto“. A Simona (nome di fantasia) il suo nome non piaceva: si faceva chiamare come un nome di un personaggio dei fumetti ‘manga’ che adorava leggere. Domenica, però, non ha retto più agli insulti che ogni giorno riceveva e ha deciso di farla finita con un cavo elettrico: lo ha mozzato con un taglierino e si è impiccata a una mensola della sua cameretta.

LEGGI ANCHE >>> Roma, Procura della Repubblica chiude sito che ‘spiega’ come suicidarsi

E’ successo nella zona est di Roma, a Torpignattara. Amava studiare e leggere, aveva paura di far vedere quei suoi occhi belli coperti da una frangia molto grande. Il giorno dopo avrebbe dovuto affrontare l’interrogazione di storia, ma ad averla vinta purtroppo è stata la sua decisione.

Roma, 13enne suicida perché vittima dei bulli: il saluto della madre

Da pelle d’oca il racconto della mamma che se la prende con le amiche, colpevoli di averla esclusa e soprattutto bullizzata: “Dopo aver avuto un litigio con una di loro, mia figlia si è isolata. Il tutto per un semplice malinteso.

Roma bullismo
Roma, 13enne vittima di bullismo si suicida (video screenshot YouTube)

Le avevo parlato e consigliato di cambiare sezione, ma nulla: quelle ragazzine non la lasciavano in pace e continuavano a violentarla psicologicamente“. La madre ha deciso di salutarla con una foto che ha postato sul suo profilo Facebook quando abbraccia la sua piccola Simona: “Perdona tutto il male ricevuto e che la terra ti sia lieve“.