Green Pass obbligatorio, l’obiettivo è il ritorno al lavoro entro il 15 ottobre quando i dipendenti dovranno presentarsi con la documentazione verde. Questo è quello che riporta il sito ‘Adnkronos’

Draghi incontra Merkel
Mario Draghi incontra Angela Merkel in una giornata ricca di impegni (screenshot video YouTube)

Mancano ancora pochissimi giorni (per la precisione tre) per il Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro. I dipendenti dovranno avere, per forza, il certificato verde per potersi recare negli uffici. Nelle prossime ore ci sarà la firma ufficiale del presidente del Consiglio, Mario Draghi, che metterà nero su bianco le nuove linee guida. Queste ultime sono state messe a disposizione direttamente dal ministero della Pubblica amministrazione. Il tutto fatto, esclusivamente e semplicemente, per il ritorno degli statali nei luoghi di lavoro con un nuovo decreto.

LEGGI ANCHE >>> Manifestazione No Green Pass, scontri a Roma: denunciato il poliziotto

Green Pass obbligatorio, quali sono le nuove linee guida?

Ancora meno di 72 ore e per potersi recare al lavoro bisognerà, obbligatoriamente, eseguire il proprio certificato verde. Il ministero ha voluto accelerare, a maggior ragione, queste pratiche soprattutto per quello che si è verificato nella giornata di sabato 9 ottobre a Roma durante la manifestazione dei ‘No Green Pass’. Iniziato prima con il raduno a Piazza del Popolo (assalto alla sede della Cgil durante) e terminato con gli scontri con la polizia dove sono state arrestate dodici persone.

LEGGI ANCHE >>> Manifestazione No Green Pass a Roma, scontro Pd-Meloni

Tornano all’obbligatorietà, quali saranno le nuove linee guide da seguire? Aggiornamenti dei software per poter controllare la veridicità del documento e di tutte le applicazioni che serviranno per garantire l’ok nei pressi dei tornelli. Il tutto grazie all’aiuto dei tecnici della Sogei.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM