Omicidio Loris, in arrivo una nuova condanna per Veronica Panarello. Ricordiamo che la giovane mamma è stata accusata e condannata per aver ucciso il piccolo il 29 novembre del 2014. Questa volta l’accusa è un’altra e riguarda il suocero

Veronica Panarello (screenshot video YouTube)

Nuova condanna per Veronica Panarello. Sì, visto che la mamma di Ragusa è stata condannata per nove anni dal Tribunale per aver ucciso il piccolo Loris alla fine del mese di novembre del 2014. Si trova in carcere da sette, ma la pena è stata ulteriormente allungata. Altri due anni di reclusione per la mamma che ha calunniato il suocero, Andrea Stival. Quest’ultimo è stato accusato da lei come esecutore materiale del delitto. Non solo: la stessa donna ha rivelato più volte di essere stata la sua amante. Proprio per questo motivo il bambino era stato ucciso, visto che aveva scoperto la loro relazione e voleva raccontare tutto quello che aveva visto al padre.

Per questo motivo, secondo la Panarello, Stival avrebbe ucciso suo nipote. Non solo: avrebbe trasportato il corpo del piccolo, senza vita, fino al canalone. Ovviamente tutto falso e per questo motivo è stata condannata per calunnie per altri due anni. La donna ha fatto tutto da solo e ha cercato di incolpare altre persone in questa tragica vicenda.

LEGGI ANCHE >>> Jerome Boateng, arriva la condanna per il difensore: le accuse sono gravi

Omicidio Loris, Panarello condannata anche al risarcimento

La Panarello è stata condannata anche per risarcimento nei confronti di suo suocero: ben 24mila euro (anche le spese processuali). Secondo l’avvocato di Stival di parla di un danno “che non si può quantificare visto che l’onore dell’uomo è stato devastato dalla sue accuse“. Il tutto è stato fatto in videoconferenza a Novara, visto che attualmente si trova nel carcere di Torino.

LEGGI ANCHE >>> Rave Viterbo, la condanna dell’assessore D’Amato

Non è finita qui perché tra poche settimane (il 15 ottobre) a Catania ci sarà un nuovo processo per la donna. Quale? Le minacce di morte sempre nei confronti del suocero: la Panarello, infatti, minacciò l’uomo in Tribunale con la seguente frase: “Prega Dio che ti trovo morto altrimenti quando esco ti ammazzo con le mie mani“. Anche se in questo c’è ancora indecisione da parte del legale del suocero.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM