E’ morta a 27 anni Martina Luoni. La ragazza, che da tempo combatteva contro un cancro al colon metastatico, è stata testimonial contro il Covid.

Martina Luoni
Martina Luoni (screenshot video Facebook)

Martina Luoni è morta nelle prime ore di lunedì 13 settembre 2021. La 27enne non è riuscita a vincere la sua battaglia, ma l’esempio dato resterà per sempre. La giovane da tempo combatteva contro un cancro al colon metastatico e durante la pandemia è stata costretta a rimandare una operazione chirurgica per la forte pressione sui servizi sanitari dovuta al coronavirus.

Nonostante questo Martina non ha mai mollato, anzi in un video ha descritto tutte le difficoltà di accedere alle cure da parte di un malato oncologico. Un filmato diventato virale tanto che la Lombardia le ha chiesto di diventare testimonial contro il Covid per invitare le persone a rispettare le regole per consentire a tutti il diritto alle cure. Un appello che ha raggiunto oltre un milione di persone e l’esempio di Martina è stato seguito da molti. Ora la 27enne non c’è più, ma il suo coraggio resta.

LEGGI ANCHE <<< Vaccini Covid, Zingaretti dà il via alla terza dose: ecco le date e le categorie

Il cordoglio di Fontana

Il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, con un post su Facebook ha voluto inviare un messaggio di cordoglio alla famiglia della 27enne. “Stento a crederci – le parole del governatore – Martina Luoni non c’è più, la giovane di Solaro che ha contribuito in maniera importante a sostenere la nostra campagna contro il coronavirus. La malattia con la quale combatteva ha vinto, ma non dimenticheremo il suo sorriso e la sua energia. Uno sguardo deciso e solare con il quale invitava tutti a combattere il Covid […]”.

LEGGI ANCHE <<< Covid, Boris Johnson tiene alta la guardia ma sul lockdown…

Martina non è riuscita a vincere la sua corsa, ma il suo esempio dato in questo anno e mezzo resterà nella memoria di tutti. La 27enne ha combattuto in prima linea il Covid e soprattutto invitato tutte le persone a rispettare le regole per consentire anche i malati oncologici (specialmente nella prima ondata n.d.r.) il diritto alle cure.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM