Un ragazzo di 26 anni somalo ha accoltellato cinque persone nella serata di sabato 11 settembre 2021. Tra i feriti anche un bambino, colpito alla gola. Nessuno è in gravi condizioni.

Polizia Rimini
Polizia Rimini (screenshot video YouTube)

Attimi di tensione a Rimini nella serata di sabato 11 settembre 2021 dove un ragazzo di 26 anni di origine somale ha accoltellato cinque persone prima di tentare la fuga. L’uomo è stato fermato poco dopo dalla polizia ed è tato portato in carcere. Non si conoscono i motivi di questa reazione, ma dalle prime informazioni il tutto sarebbe partito dal controllo del biglietto su un autobus proveniente da Riccione.

Nessuna delle persone coinvolte è in pericolo di vita e le autorità locali stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso anche per capire meglio il motivo di questa aggressione. Tra le persone ferite anche un bambino di 5 anni, accoltellato alla gola. Il piccolo, però, è in buone condizioni anche se per lui non sarà per nulla semplice dimenticare quanto successo.

LEGGI ANCHE >>> Catania, altro caso di femminicidio: uccide la moglie e tenta il suicidio

La ricostruzione della vicenda

La ricostruzione è ancora al vaglio degli inquirenti. Secondo quanto riferito da La Repubblica, l’uomo era a bordo dell’autobus proveniente da Riccione quando è stato avvicinato da due ispettrici che gli hanno chiesto il biglietto. In un primo momento nessuna reazione, ma subito dopo il 26enne ha estratto un coltello dallo zaino e colpito in modo superficiale le due addette.

LEGGI ANCHE <<< Femminicidio a Vicenza, svolta nelle indagini: fermato un uomo

Subito dopo ha minacciato il controllore ed è sceso dall’autobus per provare una fuga. Immediato l’inseguimento da parte della polizia e durante il tentativo di far perdere le sue tracce ha accoltellato altre tre persone, tra cui un bambino di cinque anni. Fortunatamente nessuno è in gravi condizioni e i medici hanno subito sciolto la prognosi. Il 26enne è stato fermato e portato in carcere. Molto probabilmente la reazione è stata provocata dalla richiesta del biglietto, ma sono ancora diversi i punti da chiarire e per questo motivo gli inquirenti stanno effettuando tutti gli approfondimenti del caso.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL!    INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM