Il cantante Mahmood ha dovuto posticipare, ancora una volta, il suo tour. Duro lo sfoga da parte dell’ex vincitore del Festival di Sanremo che si è scagliato contro le istituzioni, colpevoli di aver abbandonato la sua categoria e tutti coloro che lavorano all’interno

Mahmood (screenshot video YouTube)

Un altro spostamento del tour da parte del cantante Mahmood che, questa volta, proprio non ci sta. Ha deciso di sfogarsi direttamente sul proprio profilo ufficiale Instagram tramite alcune ‘storie’. L’ex vincitore del 69esimo Festival di Sanremo si è scagliato contro le istituzioni, colpevoli di aver abbandonato la sua categoria e tutte quelle persone che vivono di questo.

Il rapper italiano ha comunicato che, dopo quasi due anni dall’inizio della pandemia, per il suo settore non è cambiato quasi nulla visto che sono ancora fermi. Per la terza volta, in poco tempo, è stato costretto a cambiare le date del tour. Non è solo il suo caso, visto che altri colleghi dovranno e hanno già fatto lo stesso.

Con la differenza che, rispetto a qualche mese fa, adesso c’è uno strumento che può essere utilizzato proprio per andare ad un concerto: ovvero il ‘Green Pass‘. Ha fatto il paragone con gli altri paesi (dove si è ritornati ad una pseudo normalità) ed il nostro, dove le soluzioni non vengono trovate.

LEGGI ANCHE >>> Emma Marrone, l’incredibile primo provino ad Amici – VIDEO

Mahmood, duro contro le istituzioni: “Ci hanno abbandonato

Non è mancata la frecciatina alle istituzioni, visto che il cantante (come il resto dei suoi colleghi) si sentono “abbandonati“. Non vengono presi in considerazione dallo Stato che ha, come principale obiettivo, litigare tramite social con i rappresentanti politici. Quando è troppo è troppo per il cantante: “Adesso è arrivato il momento di ascoltarci. E’ arrivato il momento di far valere i nostri diritti“.

LEGGI ANCHE >>> Fedez escluso dal Seat Music Awards Rai: c’entra il “Primo Maggio”

Il loro obiettivo è ritornare a fare quello che amano di più: ovvero cantare davanti al proprio pubblico e vedere gli impianti (quasi) pieni.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL!    INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM