Roma, la sindaca Virginia Raggi non si è ancora sottoposta alla prima dose del vaccino contro il Covid. A spiegare tutto questo è il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa e non solo

Raggi
Virginia Raggi, è polemica dopo la festa di compleanno (screenshot video YouTube)

Prosegue la campagna di vaccinazione contro il Covid per gli italiani. Ad oggi sono più di 35 milioni di italiani che si sono sottoposti al vaccino (il 65,67% della popolazione over 12). Tra questi non figura ancora il sindaco di Roma, Virginia Raggi. Il motivo? Agli inizi del mese di novembre del 2020 il primo cittadino della Capitale ha contratto il virus e ha deciso di aspettare visto che è andata dal suo medico di fiducia e ha scoperto di avere gli anticorpi ancora molto alti. Una scelta che, però, non ha trovato d’accordo alcuni che in questo settore ci lavorano.

Proprio come Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità di Statistica medica ed epidemiologia dell’Università Campus Bio-medico di Roma. Quest’ultimo ha rilasciato delle dichiarazioni a ‘La 7′. Queste alcune delle sue parole: “Ci sono stati molti casi in cui l’immunità, dopo il Covid, è durata 8-9 mesi. Se una persona ha un titolo anticorpale superiore a 1000-1200 può aspettare ancora un mese al massimo, ma crolla e si resta scoperti. Dovrà fare due dosi proprio perché ha contratto il virus“.

LEGGI ANCHE >>> Virginia Raggi, nuova foto per la campagna elettorale: manca però…

In disaccordo anche il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa: “Le parole della Raggi? La sua posizione è molto ambigua. A marzo sono guarito dal Covid e ho già ricevuto il vaccino. Bisogna trasmettere fiducia e coraggio ai cittadini che hanno bisogno di messaggi positivi“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM