Le parole di Durigon diventano un caso politico: arriva però la difesa di Salvini, e anche le bordate al Pd di Giorgia Meloni. 

salvini ldifesa durigon
Salvini a difesa di Durigon (Youtube)

Continua a tenere banco il caso di Claudio Durigon. É finito nella bufera politica per aver proposto di cambiare il nome di un parco pubblico di Latina.  Da Falcone-Borsellino alla vecchia denominazione di “Parco Mussolini”, in onore di Arnaldo, fratello di Benito. Dal Movimento 5 Stella e Leu e Pd, le critiche sono state violente, e dopo 48 ore di silenzi è arrivato il commento di Matteo Salvini, intervenuto in difesa del sottosegretario della Lega al Mef.

Leggi anche: Durigon propone di intitolare un parco ad Arnaldo Mussolini, scoppia la polemica

La Lega lo blinda tramite le parole del leader. Le richieste degli altri partiti erano infatti mirate alle dimissioni di Durigon. “Stiamo parlando di un politico bravissimo – ha affermato Salvini – è lui il papa di Quota cento. Nella Lega non ci sono nostalgici dei tempi che sono stati, perché dobbiamo occuparci delle questioni del presente e del futuro”. Anche Giorgia Meloni ha detto la sua sul tema. “Al di là del merito dell’intitolazione a quella o a questa personalità, io non avrei toccato i nomi di Falcone e Borsellino. Dobbiamo pensare ad altro e non a dimissioni. Penso anche che il Pd non dovrebbe preoccuparsi del parco quando a Latina gli esponenti di questo partito sono coinvolti nello scandalo Concorsopoli”. Bordate dure. Salvini e Meloni si schierano a difesa di Durigon.