Il decreto sul nuovo Green Pass dovrebbe finire presto sul tavolo del CdM. Ecco le ipotesi al vaglio del Governo.

Discoteca
Discoteca (screenshot video YouTube)

Ore decisive per il decreto sul Green Pass. Il premier Draghi, almeno secondo le ultime indiscrezioni, dovrebbe convocare una cabina di regina nella mattinata di mercoledì 21 luglio per chiudere l’accordo e arrivare in Consiglio dei ministri con l’intesa tra i partiti di maggioranza.

Le distanze restano diverse tra i partiti e, come già successo in passato, toccherà al premier Draghi trovare un compromesso. L’ipotesi al vaglio del Governo è quella di adottare un sistema a ‘zone’ anche per la certificazione verde. Una soluzione che potrebbe portare ad un accordo anche tra i partiti.

LEGGI ANCHE >>> Il Green Pass può non bastare, per viaggiare serve il Plf: ecco cos’è

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, sono diverse le ipotesi al vaglio del premier Draghi. La prima è quella di una diversificazione in base alla zone, ma nelle ultime ore sembra prendere piede la possibilità di suddividere l’uso del Green Pass in base ai luoghi. In discoteca oppure in altre zone con più rischio di assembramento ci sarà bisogno delle due dosi. Una sola somministrazione, invece, per poter accedere ai ristoranti al chiuso.

L’altra questione al vaglio del Governo è quella dei parametri. I rigoristi spingono per un passaggio in zona gialla con il 5% dei posti in terapia intensiva occupati e il 10% dei ricoveri, ma le regioni spingono per raddoppiare queste cifre. Il confronto è aperto e le decisioni saranno prese entro la giornata di giovedì. Il nuovo decreto dovrebbe entrare in vigore da lunedì 26 luglio per provare a contrastare l’avanzata della variante Delta ed evitare ulteriori chiusure che potrebbero mandare in ginocchio la nostra economia.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM