Dieci lunghi anni e un addio commovente, con un passaggio che potrebbe nascondere un retroscena: Lulic lascia la Lazio.

Termina dopo 10 lunghi anni la storia fra Senad Lulic e la Lazio. Il calciatore, che è diventato uno dei beniamini del popolo biancoceleste, ha detto addio alla squadra e i tifosi con un lungo post social, in cui ha parlato della sua scelta senza andare fino in fondo nei dettagli. Il centrocampista esterno bosniaco saluta con due Coppa Italia in bacheca e altrettante Supercoppe Italiane. Titoli vinti da protagonista in una squadra che dal suo arrivo ha trovato un calciatore silenzioso ma molto legato al club, e spesso determinante. 

Lulic saluta e lascia la Lazio, e nelle sue parole c’è qualcosa che sembra poco chiaro. “Non ho avuto la possibilità di giocare e lottare insieme a voi”. Si riferisce ai tanti infortuni che ne hanno condizionato l’ultimo anno o magari non è più centrale nei progetti di Sarri. Poco importa ai tifosi, che nei commenti hanno mostrato gratitudine per il calciatore.

Leggi anche: La Fiorentina ufficializza Italiano: annuncio top – VIDEO

Lulic lascia la Lazio: “Eternamente vostro Senad”

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Senad Lulic (@senad.lulic)

“É arrivato il momento di salutarci, di dirci addio dopo 10 lunghi anni. Non ho avuto la possibilità di giocare insieme a voi, ma non tutti i sogni dipendono ai nostri desideri”. Tanta gratitudine, forse un po’ di nostalgia che lascia presagire un disaccordo nella sua volontà di proseguire con i biancocelesti. In attesa di capire se sia vero o no, i tifosi hanno preso d’assalto le sue pagine social, riempiendole di commenti commoventi e di immensa gratitudine.

“Grazie capitano, ti saremo eternamente grati”, ma anche “Non dimenticheremo quella data”. Il riferimento è alla Coppa Italia del maggio 2013, in cui i biancocelesti alzarono il trofeo proprio nel derby con la Roma. Scade oggi il contratto di Lulic, che emoziona tutti. “Vi porterò nel mio cuore ed evocherò nel mio futuro ogni giorno vissuto con voi. Eternamente vostro, Senad”.