Brescia, donna di 55 anni è scomparsa da più di due mesi: le due figlie sono state messe nel mirino degli indagati per omicidio

Polizia (screenshot video YouTube)

Non si hanno più notizie di Laura Ziliani, 55 anni, che lo scorso 8 maggio era uscita dalla sua abitazione per andare a fare una passeggiata in montagna (zona Val Camonica). Da quel momento non è più rientrata a casa. La Procura di Brescia ha inserito nella lista degli indagati i nomi di due delle tre figlie della donna. Quest’ultima è una ex vigilessa a Temù ed ora dipendente comunale a Roncadelle.

LEGGI ANCHE >>> Bologna, ragazza 16enne trovata morta in un bosco: si indaga per omicidio

Secondo quanto riporta il ‘Giornale di Brescia’ ad insospettire i poliziotti sono stati i due racconti diversi delle figlie. Ed è per questo motivo che ora sono state indagate per omicidio. Le telecamere l’hanno inquadrata mentre usciva di casa l’ultima volta per raggiungere la montagna, aveva incrociato anche un suo conoscente su un sentiero. Pochi giorni dopo che era scomparsa è stata ritrovata una sua scarpa.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Brescia, donna scomparsa: sequestrata anche l’abitazione

Non solo le due ragazze, è stato messo sotto sequestro anche l’abitazione di Temù dove la donna andava quando poteva. La terza figlia non è indagata (secondo alcune fonti soffre di una grave forma di autismo).

La Ziliani non ha più il marito: è vedova da nove anni, dopo che il marito morì dopo essere stato travolto da una valanga.