Incendi Sardegna, è ancora allarme per la situazione che si è creata nello scorso weekend: se, come sembra, la causa scatenante è stata un’auto che ha preso fuoco in seguito ad un incidente, la sfortuna ha voluto che le alte temperature e il vento abbiano fatto il resto per alimentare un incendio che sta avendo conseguenze nefaste per tutta la regione. Resta il pericolo, si lavora senza sosta

Sardegna incendi (screenshot video YouTube)

La Sardegna continua ad essere sotto attacco dei piromani. Negli ultimi 3 giorni l’intera isola ha dovuto fare i conti con un caldo anomalo causato dai numerosi incendi che si sono susseguiti nelle ultime 48 ore. L’isola è stata investita dai terribili incendi della zona di Oristano che ha causato lo sfollamento di almeno 1.500 persone, costrette alla fuga dal rogo di ben 20mila ettari di territorio. La situazione resta molto grave nonostante l’aiuto da parte di Francia e Grecia con 5 canadair che hanno dato un grosso aiuto per cercare di spegnare le fiamme. Così Coldiretti: “Il danno è davvero notevole, serviranno almeno 15 anni per ricostruire i boschi e la macchia mediterranea distrutte, senza dimenticare tutte le aziende e i pascoli che sono state rase al suolo da quanto accaduto. I costi sono enormi, servirà tempo e pazienza.”

LEGGI ANCHE <<< Emergenza incendi in Sardegna, animali tratti in salvo – VIDEO

Incendi Sardegna, la situazione sull’isola

Si continua a lavorare senza sosta per cercare di riportare alla normalità – nei limiti del possibile – una situazione che si è aggravata nello scorso weekend. Il Dipartimento della Protezione Civile sta cercando di ampliare il raggio d’azione dei soccorsi, coordinando anche gli aiuti che sono sopraggiunti dai paesi esteri che stanno cercando di aiutare un’isola piegata dalle fiamme. Se, come sembra, la causa scatenante è stata un’auto che ha preso fuoco in seguito ad un incidente, la sfortuna ha voluto che le alte temperature e il vento abbiano fatto il resto per alimentare un incendio che sta avendo conseguenze nefaste per tutta la regione.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM