Dopo Gallipoli locali chiusi anche a Rimini: ma basteranno queste sanzioni per le due discoteche a limitare i rischi? 

rimini locali
Locali chiusi a Rimini (screenshot video YouTube)

Dopo la chiusura di alcuni locali a Gallipoli, dovuta agli assembramenti e alla violazione delle normative anti Covid, anche Rimini torna al centro della cronaca. Lecito attendersi nell’estate delle riaperture, che nelle zone per eccellenza della movida ci sarebbero stati problemi a contenere la folla dei giovani. Le partenze per i luoghi presi di mira ogni estate, sono state tante, e non bastano norme o leggi a fermare alcuni proprietari di locali.

Anche a Rimini i controlli hanno infatti evidenziato assembramenti di persone che ballavano in pista in barba ai divieti. L’intervento dei militari ha bloccato la musica, ed ha evidenziato la presenza di molti giovani appartenenti ad un network che organizza vacanze. Sanzioni immediate quindi. Ma basteranno? 

Leggi anche: Mourinho, scoop da spogliatoio: “Milan e Inter conoscono la tua ragazza”

Rimini, due locali chiusi: sanzioni immediate, ma serviranno a risolvere il problema delle discoteche?

movida rimini
Due locali chiusi a Rimini, la movida non si ferma (Youtube)

Dopo l’intervento, i militari hanno trovato molti giovani in assembramento, con drink in mano e balli scatenati. Feste chiuse quindi e multe immediate per i locali. I due punti di riferimento della movida, uno a Riccione e uno a Misano, sarebbero stati chiusi per 5 giorni. Oltre al blocco della attività, arriva anche la multa da 400 euro per i proprietari.

Sanzioni identiche a quelle che hanno incassato i gestori dei locali a Gallipoli. E intanto il tema delle discoteche continua a tenere banco. Sono fra le uniche attività bloccate, e spesso utilizzano il sistema della cena con intrattenimento, che si trasforma poi in vera e propria festa. Fra chi ancora spinge per un allentamento delle restrizioni, e chi teme per l’aumento dei contagi che potrebbero moltiplicarsi nei locali, c’è chi discute anche le sanzioni, che per locali affollati sembrano comunque basse. E intanto l’estate entra nel vivo e i numeri nei luoghi dove si accende la movida diventano sempre più preoccupanti.