Ddl Zan e Vaticano, interviene il premier italiano Mario Draghi che ha parlato direttamente dal Senato

Mario Draghi (screenshot video YouTube)

E’ arrivata la risposta da parte del Presidente del Consiglio, Mario Draghi, per quanto riguarda la questione legata al ddl Zan e quello che ha citato il Vaticano pochi giorni fa. Lo ha fatto direttamente dal Senato. Queste alcune parole del premier italiano: “Il nostro è uno Stato laico, non confessionale. Il Parlamento è libero di discutere, mentre il nostro ordinamento è in grado di verificare che tutte le nostri leggi vadano a rispettare sempre i principi costituzionali e gli impegni internazionali, come il Concordato con la Chiesa“.

LEGGI ANCHE >>> Ddl Zan, il Vaticano non ci sta: “Fermate la legge, viola il Concordato”

Queste la risposta di Draghi in merito alle parole del Vaticano che aveva chiesto una revisione del ddl Zan (legge contro l’omotransfobia). Ha voluto ricordare che è il Parlamento che discute sulla costituzionalità. Non solo: ha anche annunciato che la laicitànon è indifferenza dello Stato rispetto al fenomeno religioso, ma tutela il pluralismo e le diversità culturali“.

La questione legata al ddl Zan non è più una questione parlamentare, ma governativa. Fonti di Palazzo Chigi non voglio entrare nel merito, ma hanno voluto precisare che il Premier Draghi sta approfondendo la questione e parlerà alle Camere solo dopo aver fatto tutte le sue valutazioni.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Draghi interviene su ddl Zan e Vaticano – VIDEO

Enrico Letta, segretario del PD, ha dichiarato che è assolutamente d’accordo con quello che ha detto il Presidente del Consiglio.

Il Presidente della Commissione Giustizia in Senato, Andrea Ostellari, invece ha annunciato: “E’ ovvio che l’Italia è uno stato laico, ma la parola laicità sta anche a significare tutela del pluralismo e diversità culturali“.