Oltre il danno la beffa, è quello che ha rischiato la nazionale della Danimarca al termine dei drammatici momenti del malore di Christian Eriksen, a rivelarlo l’ex portiere biancorosso Peter Schmeichel. I dettagli

Peter Schmeichel
Foto Creative Commons

La nazionale danese di calcio, oltre al dramma vissuto, ha rischiato una clamorosa beffa  per quanto accaduto sabato pomeriggio a Christian Eriksen. A rivelarlo lo storico portiere della “Dinamite Rossa”, del Manchester United e papà dell’attuale difensore dei pali della squadra di Kasper Hjulmand, Peter Schmeichel.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Danimarca-Finlandia, dopo il terrore ufficializzata la ripresa della partita: ecco quando

Il leggendario portiere danese ha rilasciato un’intervista che farà rumore all’edizione oggi in edicola del popolare tabloid inglese “The Sun”. “Se non avessero portato a termine il matchha dichiarato senza mezzi termini Schmeichelavrebbero perso 3-0 a tavolino”

Danimarca-Finlandia, la dura accusa di Peter Schmeichel

Ricordiamo velocemente i fatti. Al minuto 43′ del primo tempo della partita del Gruppo B di Euro 2020 Danimarca-Finlandia il centrocampista offensivo dei danesi Christian Eriksen è caduto a terra colpito da un grave malore. Sono stati minuti lunghissimi, drammatici e concitati duranti i quali il calciatore dell’Inter è stato letteralmente strappato alla morte dai sanitari.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Eriksen non potrà più giocare in Italia? Il parere dell’esperto

Il match dopo un’ora e mezza di sospensione è ripreso ed è terminato 0-1 con rete di Pohjanpalo al 60′.  “Hanno detto che i giocatori danesi hanno insistito per giocare” ha dichiarato Schmeichel sottolineando che però “Non è la Verità”.

La Uefa infatti, sempre secondo quanto riferisce l’ex portiere danese, ha dato tre opzioni alla Danimarca “Giocare subito completando i restanti 50 minuti, recuperare la gara il giorno dopo o rinunciare da subito e perdere 0-3 a tavolino”.

Nonostante lo shock per la tremenda esperienza visssuta i ragazzi danesi hanno deciso di completare il match ma, come testimonia il risultato, con una prestazione decisamente inferiore alle loro possibilità. Ancora una pessima gestione da parte della UEFA.