Germania, un medico ha vaccinato (per sbaglio) una bambina di soli nove anni: licenziamento in tronco per l’uomo e denuncia inevitabile 

Astrazeneca (screenshot video YouTube)

Incredibile quello che è accaduto a Bobingern, in Germania. Un medico ha vaccinato per sbaglio una bambina di nove anni contro il Covid (dose di Pfizer). Ciò non è affatto ammesso in Baviera, visto che si inizia dai dodici anni in su. Per di più solo il vaccino Biontech è consentito per i bambini di quell’età.

Il sanitario è stato denunciato per lesioni colpose ed immediatamente licenziato dall’ospedale. Non sono bastate le scuse che l’uomo ha fatto al padre della bambina: proprio quest’ultimo doveva ricevere la dose che era stata iniettata alla figlia, visto che aveva effettuato regolarmente la prenotazione.

LEGGI ANCHE >>> Roma, aumentano stranieri positivi al Covid: le ASL lanciano l’allarme

Lo stesso sanitario lo aveva per sbaglio dato alla bambina, credendo fosse un soggetto a rischio. Il tutto sotto gli occhi del padre che non ha impedito assolutamente il lavoro che stava svolgendo il sanitario: pensava si trattasse di uno scherzo oppure un modo per stemperare la tensione.

Alcuni testimoni avrebbero visto il medico, subito dopo aver chiesto perdono all’uomo, piangere per l’errore che ha commesso.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Germania, medico vaccina bambina di 9 anni: le sue condizioni

Tutti i giornali locali hanno riportato questa notizia. Ne hanno parlato anche alla radio locale di Augusta. Per il momento la bambina sta bene e non ha riportato alcun effetto collaterale ed è tenuta sotto osservazione dai sanitari. La cosa certa è che non riceverà una seconda dose di vaccino. A rilasciare dichiarazioni sulla salute della bambina è stato lo stesso padre che ha parlato ai giornalisti fuori l’ospedale.

Non è il primo caso del genere che succede in Germania: basti ricordare che poco prima della fine del mese di dicembre del 2020 (a Stralsunf), vennero iniettate per errore cinque dosi di vaccino antiCovid ad otto dipendenti, a testa.