Superlega, è arrivata la decisione da parte del comitato UEFA per quanto riguarda il procedimento sulle tre squadre che hanno approvato la realizzazione del nuovo torneo come la Juventus, il Barcellona ed il Real Madrid

Ceferin Superlega
Aleksander Ceferin (Foto Instagram)

E’ arrivata la decisione del comitato d’appello della UEFA (Union of European Football Associations) per quanto riguarda il “Caso Superlega” di cui fanno ancora parte la Juventus, il Real Madrid ed il Barcellona. Progetto che, però, è naufragato in meno di 48 ore dalla creazione. Ricordiamo che nove squadre, poche settimane fa, hanno deciso di ritirarsi dalla possibile creazione di questo torneo: Atletico Madrid, Inter, Milan, Liverpool, Arsenal, Tottenham, Chelsea, Manchester City e Manchester United.

La commissione d’appello, quindi, ha deciso di sospendere “fino a nuovo avviso” i procedimenti disciplinari verso le tre società che continuano ad approvare il progetto della Superlega.

LEGGI ANCHE >>> Dzeko alla Juventus, stavolta si fa: calciomercato caldissimo

Questo il comunicato della società con sede a Nyon: “A seguito dell’apertura di un procedimento disciplinare nei confronti di Barcellona, Real Madrid e Juventus, per una potenziale violazione del quadro normativo UEFA per il progetto “Super League”, abbiamo deciso di sospendere questo andamento fino ad un nuovo avviso“.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Superlega, il comunicato dei tre club coinvolti

I tre club, dopo aver ricevuto il comunicato del 25 maggio da parte della UEFA, risposero così con una nota ufficiale: “Non accetteremo nessun tipo di pressione. Vogliamo discutere con gli organi competenti, nella maniera più rispettosa possibile, attraverso il dialogo. Il calcio, in questo momento, ha bisogno di soluzioni urgenti“.

Ceferin Superlega
Aleksander Ceferin (Foto Instagram)

Anche il patron dei bianconeri, Andrea Agnelli, nel giorno della conferenza stampa d’addio del direttore sportivo Fabio Paratici, aveva risposto così ad una domanda di un giornalista che riguardava la ‘Superlega’: “Colpo di stato? Macchè! Era solamente un grido d’allarme“.