Cacciari contro il Governo sul vaccino obbligatorio. Il filosofo a ‘La Stampa: “Vorrei sentire dai giuristi se è contro la Costituzione”.

Massimo Cacciari
Massimo Cacciari (screenshot video YouTube)

Il filosofo Massimo Cacciari contro il Governo sul vaccino obbligatorio. In un’intervista a La Stampa, il professore ha confermato la sua contrarietà a inserire l’obbligo della somministrazione in Italia. “Vorrei sapere – si è chiesto il filosofo riportato da Opense è o non è in contraddizione con il regolamento Ue, che vieta ogni discriminazione“.

Inoltre, Cacciari ha ribadito come molti medici non firmano i certificati e sconsiglino l’immunizzazione. “In questa situazione – le parole del filosofo – non sarebbe prudente aspettare un po’ di tempo prima di imporre la vaccinazione ai bambini? Loro presentano un caso grave ogni milione di contagi […]“.

LEGGI ANCHE <<< Terza dose del vaccino? Il virologo ci dà una risposta forse definitiva

Cosa significa obbligo vaccinale e cosa cambia

La discussione sull’obbligo vaccinale è ancora aperta e il Governo non ha preso nessuna decisione. In particolare, la legge di rendere necessaria la somministrazione non può essere fatta senza che il farmaco sia stato approvato in via definitiva.

Per questo motivo il premier Draghi e il ministro Speranza dovrebbero muoversi solamente con l’inserimento di un uso molto più ampio del Green Pass (cabina di regia e decreto molto probabilmente la prossima settimana ndr) e successivamente si ragionerà sulla possibilità di rendere obbligatorio il vaccino.

Prima, però, deve muoversi l’Ema. L’agenzia europea del farmaco ha iniziato ad analizzare i dati, ma non ha fissato una data per esprimersi. Molto probabilmente l’approvazione in via definitiva di Pfizer (come già fatto da Fda) avverrà tra la fine di settembre e i primi giorni di ottobre. Subito dopo si pronunceranno anche Ue ed Aifa e la discussione in Italia entrerà nel vivo. Ci aspettiamo qualche piccolo momento di tensione viste le distanze che ci sono all’interno della maggioranza, ma molto probabilmente prevarrà la linea dell’obbligo visto che l’unica contraria a questa strada è la Lega.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM