Roma, sono stati arrestati tre ragazzi di origine cubana che appartenevano al gruppo dei “Selfie-Stick”. Agivano nei ristoranti e nei locali con l’intento di rubare. I carabinieri hanno posto fine a questa vicenda

mafia
Carabinieri (screenshot video YouTube)

Il loro scopo era quello di rubare i clienti e purtroppo ci riuscivano. Si tratta di tre ragazzi di origine cubana che entrava nei ristoranti del centro storico di Roma e rubava tutto quello che poteva. Il loro piano? Fare finta di scattarsi dei selfie, ma nel frattempo rubavano all’interno delle borse delle signore. I carabinieri della Stazione Roma di San Lorenzo in Lucina li hanno messi finalmente in manette e posto fine al loro “gioco”.

LEGGI ANCHE >>> Roma, cadono frammenti da Torretta Valadier: chiuso Ponte Milvio

Sono stati colti sul fatto in un ristorante che si trova a via delle Muratte, a pochi passi dalla Fontana di Trevi mentre avevano rubato una borsa di una turista belga che si trovava al ristorante. Hanno tra i 20 ed i 34 anni, incensurati e dovranno rispondere di “furto aggravato“.

La loro arma era proprio il “selfie-stick“, l’accessorio che serve per scattarsi le foto. Il loro piano è quello di sedersi vicino al tavolo della vittima, allungare l’asta e prendere la borsa e portarla verso di loro. Sembrava tutto fatto, ma ad attenderli fuori dal locale c’erano i carabinieri che hanno visto tutta la scena e li hanno accolti con le manette aperte.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM