Lazio Torino non è durata 90 minuti, ma è continuata anche fuori dal campo quando Ciro Immobile ha tuonato nei confronti del presidente granata Urbano Cairo.

Lazio Torino, Ciro Immobile
Lazio Torino, Ciro Immobile (Getty Images)

Il centravanti della Lazio su Instagram, a gara appena terminata, si sfoga: “Posso accettare le critiche al calciatore, ma non gravi offese diffamatorie all’uomo che sono”. Di contorno c’era una gara che per la Lazio, a guardare la classifica, contava poco e che per il Torino, sempre per motivi di punti, valeva la salvezza. Nonostante questo, come è giusto che sia, i biancocelesti hanno giocato una grande partita, sfiorando la vittoria con un calcio di rigore sbagliato proprio da Immobile sul finire.

LEGGI ANCHE >>> Lazio Torino tensioni a fine gara

Nonostante questo le parole del calciatore lasciano sorpresi: “Al termine della gara il Presidente del Torino Urbano Cairo ha raggiunto l’ingresso del nostro spogliatoio offendendomi, scagliandosi verbalmente nei miei confronti e rivolgendomi delle accuse infamatorie gravi. Mi ha accusato di aver giocato la partita con “il sangue agli occhi” arrivando perfino a dirmi che ho giocato la gara d’andata positivo al Covid”. Chiosa ringraziando Cairo per l’occasione che gli ha dato al Torino, ma impossibilitato a glissare su questo episodio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ciro Immobile (@ciroimmobile17)

Ciro Immobile vs Urbano Cairo, la risposta del Presidente granata

Lazio Torino, Urbano Cairo
Lazio Torino, Urbano Cairo (Getty Images)

Non è passato molto dalle accuse di Ciro Immobile alla risposta di Urbano Cairo in un post Lazio Torino infuocato. Il Presidente dei granata sottolinea:Mi attacca dal suo profilo Instagram, ho risposto al suo post e pubblico il testo. Ciro Immobile mi accusa di averlo affrontato dopo la partita e sostiene che tutti sanno chi è. Anche io so chi è. Un calciatore che è venuto a Torino dopo un campionato deludente al Genoa per rilanciarsi. Ventura gli ha dato fiducia e ha fatto molto bene. Pensavo rimanesse volentieri, almeno un altro anno, ma ha fatto il diavolo a quattro per andare al Borussia Dortmund”.

Continua il suo racconto: “Poi in Germania ha avuto una stagione deludente ed è stato prestato al Siviglia. Anche lì non è andato bene. Mi ha telefonato chiedendomi di tornare al Torino. Gli ero affezionato e l’ho accontentato. Ha fatto un girone di ritorno non molto brillante ma io, che tenevo molto a lui, lo volevo riscattare comunque. Questa volta però non mi ha chiamato personalmente, ma mi ha fatto parlare col suo procuratore, che ha sottolineato che non poteva rimanere per motivi personali. Allora ho capito chi è Ciro Immobile”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Urbano Cairo (@urbano.cairo)