Federico Chiesa è diventato un murales a Roma nel cuore di Trastevere dove prima c’era stato spazio solo per Francesco Totti.

La rivalità storica tra Juventus e Roma viene messa da parte almeno quando si parla di Nazionale, ma mai come è successo quest’anno con la conquista dell’Europeo. Seguendo la scia di queste emozioni nello storico quartiere di Trastevere è sorto un murales per uno dei grandi protagonisti di Euro 2020, ma che comunque veste la maglia bianconera: Federico Chiesa.

LEGGI ANCHE >>> La gioia di Tardelli. E su Barella e Chiesa…

Partito in sordina con Roberto Mancini che lo aveva lasciato fuori nelle sfide con Turchia e Svizzera, era sceso in campo a qualificazione scucita col Galles giocando una buona partita. Nonostante questo per gli ottavi contro l’Austria Mancio aveva continuato a preferirgli Domenico Berardi, per vederlo poi entrare in campo per decidere la partita, insieme a Matteo Pessina, con un supergol ai supplementari. Da quel momento Chiesa non è più uscito dai titolari realizzando anche il gol del momentaneo vantaggio con la Spagna.

Murales Federico Chiesa, un’opera d’arte

Federico Chiesa
Federico Chiesa (Getty Images)

Il murales su Federico Chiesa è una vera e propria opera d’arte. A disegnarlo è stato lo street artist Greb che ha voluto rappresentarlo in maniera singolare. L’attaccante della Juventus è in ginocchio sulla mappa dell’Europa con le altre squadre rappresentate da personaggi del Subbuteo. Il calciatore ha nella mano sinistra la Coppa Europea e nella destra una bandiera col tricolore con scritto sopra “Football is our game”.

LEGGI ANCHE >>> Come Mancini ha caricato i suoi

Intanto il calciomercato impazza attorno al calciatore. Il Bayern Monaco, e non solo, farebbe follie per prenderlo, ma la Juventus respinge ogni tipo di assalto. Con lui la Vecchia Signora sembra aver finalmente ritrovato il filo rosso con i vecchi fenomeni italiani da Roberto Baggio ad Alessandro Del Piero. E anche se i risultati dai due raggiunti siano lontani la società spera di poter vedere ulteriori miglioramenti in un calciatore che ha giocato una grande stagione nelle difficoltà della gestione di Andrea Pirlo.