Cresce l’allarme terrorismo dopo le minacce all’Italia: in manette un uomo di origine marocchina. L’accusa è pesante.

Polizia terrorismo
La Polizia ha fermato un uomo dopo un mandato internazionale con accusa di terrorismo (screenshot video YouTube)

Dopo il fermo a Terracina di un terrorista evaso in Francia e le minacce all’Italia da parte dell’Isis, cresce l’allarme nel nostro paese. La situazione torna preoccupante ed ha portato il premier Draghi a ribadire che l’impegno nella lotta al terrorismo resterà alto. Gli irriducibili del califfato hanno infatti messo nel mirino Roma, trasformando i vecchi annunci simbolici in un messaggio diretto e preoccupante.

L’allerta è alta, e intanto dopo i controlli a Terracina, la Polizia ha portato a termine una brillante operazione in provincia di Salerno. Un 29enne è stato infatti arrestato a Lago, dopo una approfondita attività di ricerca portata avanti dalla Digos di Napoli e Salerno insieme alla Direzione Centrale per Polizia di contrasto all’Estremismo e Terrorismo. Grazie ad una imponente e attenta attività di osservazione e pedinamento, l’uomo, originario del Marocco, è stato individuato nei pressi di un bar. Le accuse sono pesantissime. 

Leggi anche: Variante Delta, allerta internazionale: contagi in crescita e previsioni allarmanti

Terrorismo, un arresto a Salerno: accuse pesantissime

Polizia
La Polizia ha bloccato l’uomo a Lago in provincia di Salerno (foto Youtube)

Per il 29enne marocchino il mandato d’arresto internazionale è pesantissimo. “Associazione a delinquere finalizzata alla preparazione e commissione di atti di terrorismo”. E ancora “detenzione di armi da fuoco e attività avente fine di attentare l’ordine pubblico e raccogliere fondi per atti di terrorismo”. Lo ha emesso il 28 giugno scorso il Procuratore Generale della Corte di Appello a Rabat in Marocco, e successivamente lo ha esteso in campo internazionale..

L’uomo, già segnalato in Spagna e Francia, è noto all’Intelligence quale combattente jihadista recatosi in passato in Siria per partecipare al conflitto nella fila del fronte Al Nusra. Si tratterebbe di un responsabile militare. L’arresto in provincia di Salerno però fa registrare un altro successo nella lotta al terrorismo. E in Italia, dopo i recenti avvenimenti, il livello di ricerca e prevenzione inizia ad alzarsi sempre di più.