Covid, via le mascherine all’aria aperta? Nel pomeriggio si riunirà il Comitato tecnico scientifico e discuterà di ciò

Covid (screenshot video YouTube)

Oggi, lunedì 21 giugno, tutta l’Italia è in zona bianca. Quasi, visto che la Valle D’Aosta lo farà solo dal 28 di questo mese, visto che è ancora in zona gialla, ma solo per un’altra settimana. Tra esattamente sette giorni potrebbe essere il grande giorno in cui gli italiani potranno liberarsi della mascherina all’aperto. Nel pomeriggio, infatti, il Comitato Tecnico Scientifico si riunirà in riunione per discutere di questa vicenda, se è il caso o meno di continuare a tenere la protezione oppure liberarsene. Non è da escludere che questo incontro possa slittare anche nei primi giorni di luglio.

LEGGI ANCHE >>> Covid, ecco come si diffonde in Italia la variante Delta: il ruolo degli immigrati

Non tutti, però, sono d’accordo visto che preferirebbero aspettare almeno fino al 5 luglio con la paura del rischio delle varianti. Vige la paura per la mutazione della variante Delta, soprattutto per chi ha effettuato solamente la prima dose del vaccino che non sono protetti abbastanza per evitare il contagio. Anche se dovessimo togliere la mascherina all’aperto, ciò non vuol dire che non si deve più rispettare il distanziamento. Anzi, non bisogna abbassare assolutamente la guardia.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Covid, via le mascherine all’aperto? Discoteche pronte a riaprire

Da oggi non c’è più il coprifuoco: sempre ad eccezione della Valle D’Aosta, le altre ragioni non hanno limiti di orario. Si parlerà anche della riapertura delle discoteche: verso gli inizi di luglio potranno riaprire ma con l’obbligo del ‘Green Pass‘. Quest’ultimo certificato, in Italia, entrerà in vigore dal prossimo 28 giugno e dal 1 luglio permetterà a tutti i cittadini di girovagare per l’Europa (ottenendo il Qr Code attraverso le app ‘Immuni‘ e ‘IO‘ oppure andare in farmacia grazie al medico di base).

Covid, via le mascherine? (screenshot video YouTube)

Oggi prende via l’ordinanza del Ministro della Salute, Roberto Speranza: chi rientrerà da Londra (dove la variante Delta sta, purtroppo, facendo il suo cammino incessante) dovrà effettuare una quarantena di 5 giorni. I numeri sono incoraggianti: i contagi continuano a scendere.