Brutta disavventura per Cristiano Ronaldo ed anche per il suo procuratore, Jorge Mendes: i due portoghesi sono stati derubati. Il colpevole di tutta questa vicenda è una impiegata di una agenzia di viaggio che è stato prontamente licenziato dal proprio capo

Jorge Mendes e Cristiano Ronaldo (screenshot video YouTube)

Piccolo shock per Cristiano Ronaldo. Il fuoriclasse portoghese, fresco di passaggio al Manchester United, è infatti stato derubato. Non solo lui, anche il suo procuratore Jorge Mendes. Andiamo con ordine. Cosa è successo di preciso? A rivelare la notizia ci ha pensato il quotidiano ‘Jornal de Noticias‘. La colpa di tutta questa vicenda? Una agente di viaggio. Quest’ultimo, infatti, avrebbe sottratto all’ex Juventus la bellezza di 288mila euro. Si tratta di una somma di prelievi che sono stati fatti in tre anni (dal febbraio del 2007 fino ad arrivare a luglio del 2010). Una vera e propria truffa che non ha colpito solo loro ma anche altri due connazionali: l’ex calciatore della Lazio, Luis Nani e Manuel Fernandes (centrocampista del Kayserispor).

Quest’ultimo, insieme al procuratore più famoso e ricco al mondo, sono stati derubati per una cifra che si avvicina intorno ai 350mila euro. Questa somma totale sarebbero serviti al 36enne per dei viaggi che non ha mai realizzato. L’impiegata aveva facile accesso ai conti del calciatore e svolgeva il tutto in maniera illegale. A scoprire questa truffa è stato direttamente il capo dell’agenzia che non ha voluto perdere molto tempo. Ovvero? Ha licenziato prima la sua dipendente e poi ha restituito il tutto all’atleta.

LEGGI ANCHE >>> Calciatore lotta tra vita e morte: splendido messaggio di Ronaldo – VIDEO

Cristiano Ronaldo truffato e derubato: chi è la colpevole

Della donna in questione non si sa il nome, ma solamente che ha 53 anni e che è nata a Vila Nova de Gaia. Nel 2017 è stata condannata a quattro anni dal Tribunale di Porto (pena poi sospesa).

LEGGI ANCHE >>> Cristiano Ronaldo, esordio con gol anche in UCL con il Man Utd – VIDEO

Sta ancora risarcendo il suo ex datore di lavoro con pagamenti mensili. Insomma, un brutto spavento per i diretti interessati che sicuramente adesso staranno molto più attenti ai loro soldi.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM