Berlusconi, imputato al processo Ruby Ter, scrive ai giudici, ritenendo inaccettabile la decisione presa. 

berlusconi ricoverato
Silvio Berlusconi, imputato al processo Ruby Ter, risponde ai giudici (screenshot video YouTube)

Silvio Berlusconi scrive ai giudici del processo Ruby Ter. Lo fa per rispondere alla richiesta incassata, a suo dire inaccettabile. “Tutto ciò appare al di fuori di ogni logica – afferma il leader di Forza Italia – ed è una richiesta del tutto incongrua rispetto alla mia storia e al mio presente”. Questa la risposta al al presidente della settima sezione penale di Milano, Mirko Tremolada, davanti al quale è in corso il processo Ruby ter. “Uno stravolgimento della realtà”, prosegue Berlusconi, che mette l’accento così ad una richiesta molto pesante.

Leggi anche: Green pass, mezzi di trasporto, tribunali e prima dose: qualcosa non torna

“L’ipotesi di sottopormi ad una ampia ed illimitata perizia psichiatrica da parte del Tribunale – si legge nella nota del Cavaliere – dimostra, per ciò che ho fatto nella vita in molteplici settori fra cui l’imprenditoria, lo sport e la politica, un evidente ed incredibile stravolgimento della realtà nell’ambito di questo ingiusto processo. Non accetto tale decisione, che è lesiva della mia storia e della mia onorabilità”. Il processo andrà avanti quindi senza di lui. “Pur nella persistenza del suo attuale stato di defedazione – si legge nella nota degli avvocati – Berlusconi acconsente, suo malgrado, alla prosecuzione del dibattimento in sua assenza”.