Duro botta e risposta fra Salvini e Lamorgese sul tema Ius soli e sugli sbarchi: si innesca l’ennesimo scontro pesante.

salvini lamorgese
Salvini tuona contro Lamorgese (Youtube)

“Accelerare sul tema dello Ius soli per gli sportivi”. Le indicazioni di Malagò dopo l’oro di Jacobs e il successo ai giochi di Tokyo sono state raccolte dal ministro Lamorgese. “Serve una sintesi politica – ha sottolineato la titolare del Viminale – ma è un tema del quale dobbiamo ricordarci non solo quando i nostri atleti vincono le medaglie. C’è bisogno di aiutare le seconde generazioni a sentirsi parte integrante della nostra società”. Le parole però hanno suscitato la reazione diretta di Matteo Salvini. 

Leggi anche: Roberto Saviano tuona contro le famiglie: i followers non stanno a guardare

“Invece di vaneggiare di Ius soli – ha dichiarato il leader della Lega – il ministro dell’Interno dovrebbe controllare chi entra illegalmente in Italia”. Il confronto si sposta quindi da un tema caldo all’altro, e la Lamorgese incalza. “I numeri sui migranti sono aumentati – afferma – ma Salvini perde di vista le difficoltà che stiamo quotidianamente vivendo. Se ha proposte le dica pure”. La risposta del numero uno della Lega non si è fatta attendere. “Lamorgese annuncia controlli a campione nei locali, ma quando li faremo ai confini?”. E sulle due tematiche molto scottanti arrivano anche le parole di chiusura da parte di Nicola Molteni. “Ius soli? La cittadinanza è uno status, non un diritto – afferma – e il tentativo del presidente del Coni è maldestro. Lo Ius Soli non passerà mai, e la Lega è garanzia di questo”.