Papeete Beach messo sotto sequestro per evasione fiscale: nei guai il posto dove trascorre qualche giorno di relax Matteo Salvini

Papeete beach (screenshot video Youtube)

Brutte notizie per il proprietario del ‘Papeete Beach’ di Milano Marittima, tra l’altro uno dei luoghi di vacanza frequentato dal leader della Lega, Matteo Salvini. Ora si torna a parlare del noto locale non per i suoi cocktail oppure per i suoi ospiti che suonano come dj, ma per una inchiesta fiscale. La ‘Papeete Srl’ (384.676 euro) e ‘Villapapeete srl’ (147.142) sono le due società destinatarie di un decreto di sequestro che è stato emesso a Ravenna. Si parla di 35 imprenditori per un totale di circa 2,3 milioni di euro.

La Guarda di Finanza ha voluto aprire questa inchiesta: al centro c’è questa società che si chiama ‘Mib Service‘ nata undici anni fa. Il suo obiettivo era quello di affiancare gli imprenditori nel settore del turismo, quello della ristorazione e delle discoteche offrendo loro delle consulenze. Peccato però che si siano trasformate in una specie di cartiera evoluta: ovvero la riassunzione di dipendenti e anche di amministratori delle stesse aziende clienti.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass, Salvini risponde: “Ascoltiamo le piazze, non tutti sono no-vax”

Oltre al ‘Papeete’ e ‘Villapapeete’ riferita a Rossella Casanova (tra l’altro sorella dell’europarlamentare leghista Massimo Casanova), ci sono lo stabilimento  Bbk srl di Punta Marina Terme (170.792 euro) e anche la Pasticceria Palumbo srl (72.599 euro). Non solo: anche l’attività dell’ex gieffina Mascia Ferri (61.777 euro) e del suo compagno Cristiano Ricciardella (63.157 euro).

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM