Mentre l’attacco hacker alla Regione Lazio è ancora in corso, arrivano le prime certezze: arriverebbe dall’estero e si indaga sul riscatto. 

attacco hacker Lazio estero
Grave attacco hacker alla Regione Lazio, arriva dall’estero (Youtube)

Arriverebbe dall’estero l’attacco hacker che ha colpito il Ced della Regione Lazio. Mentre l’affondo sui sistemi è ancora in corso, ed ha condizionato e disattivato anche il portale Salute Lazio e la rete vaccinale, arrivano le prime conferme sugli autori. La Polizia Postale sta lavorando da più di un giorno, ed avrebbe accertato la provenienza estera dell’intromissione nei sistemi.

Al momento non è stata circoscritta l’area geografica dal quale sia arrivato l’attacco – svela l’Ansa – ma intanto si indaga anche su una particolare richiesta di riscatto che sarebbe arrivata. Ecco come hanno fatto gli hacker a violare i sistemi e cosa sarebbe stato chiesto.

Leggi anche: Attacco hacker al centro dati della regione Lazio: cosa sta accadendo

Attacco hacker Regione Lazio: cosa è stato chiesto per il riscatto

hacker
Attacco hacker ai sistemi della regione Lazio, la richiesta di riscatto è in Bitcoin (Youtube)

Mentre il blocco continua, la Polizia Postale continua ad indagare. I pirati informatici, tramite l’utilizzo dei malware, si sono infiltrati nel sistema dal profilo di un amministratore di rete. Hanno quindi disattivato il “cryptolocker”, paralizzando i sistemi e bloccando anche le prenotazioni per il vaccino. L’indagine prosegue, coordinata dalla Procura di Roma. Ed ha accertato la provenienza estera. E il lavoro degli investigatori si dirama intanto su due fronti. Uno sulla provenienza geografica, e l’altro sul riscatto. Pare infatti che sia arrivata una ingente richiesta di Bitcoin da parte degli hacker.