Clamoroso quello che è accaduto stanotte in Brasile: al termine della partita valida per l’ottavo di finale della Copa Libertadores, i calciatori del Boca Juniors si sono scambiati delle botte da orbi con le forze dell’ordine, subito dopo la fine del match perso ai rigori contro l’Atletico Mineiro

Rissa Boca Juniors (screenshot video Twitter)

Vergognoso quello che è accaduto in Brasile (precisamente a Belo Horizonte) al termine di una partita valida per la ‘Copa Libertadores‘ (la nostra Champions League in Europa). Stanotte si è disputata la gara di ritorno tra i brasiliani dell’Atletico Mineiro e gli argentini del Boca Juniors, un vero e proprio Derby del Sudamerica. Tra andata e ritorno le porte dei due portieri sono state inviolate, per decretare il vincitore si è dovuto andare ai calci di rigore. Dagli undici metri hanno avuto la meglio i padroni di casa che sono volati ai quarti di finale con il risultato di 3-1.

LEGGI ANCHE >>> Roma, rissa in stazione Termini: uomo in manette per tentato omicidio

A fare notizia, però, non è il risultato della partita ma quello che è successo dopo nel tunnel che portava agli spogliatoi. I calciatori del Boca hanno prima affrontato quelli della sicurezza dell’Atletico Mineiro. Successivamente è subentrata la Polizia militare che ha dovuto usare le maniere forti per far tornare tutto alla calma. Ovvero? Spray al peperoncino. Alcuni calciatori argentini hanno accusato dei malori.

Non è finita qui perché ben 8 membri del club (tra cui i calciatori Javi Garcia, Izquerdoz, Rojo, Villa, Zambran, il dirigente Raul Cascini, il preparatore dei portieri Fernando Gayoso e l’assistente Leandro Somoza) sono stati fermati dalla polizia. Dopo una lunga trattativa si è deciso di non andare oltre a queste indagini e di non procedere con l’arresto degli aggressori.

Questi sono alcuni video della rissa: