Euro 2020, insulti a calciatori dell’Inghilterra dopo la finale persa nel campionato Europeo contro l’Italia: quattro tifosi sono finiti in manette

Tifosi Inghilterra (screenshot video YouTube)

Alcuni “leoni da tastiera” inglesi hanno ben pensato di aggiungere una ulteriore brutta figura nel loro repertorio di questo “Euro 2020” che si è concluso solamente da pochi giorni. Subito dopo la finale persa ai calci di rigore contro l’Italia, alcuni “tifosi” hanno inondato di messaggi e insulti razzisti a tre calciatori dei ‘Tre Leoni’ che avevano sbagliato il calcio di rigore. Si tratta di Marcus Rashford (attaccante del Manchester United), Jadon Sancho (neoacquisto dello United) e Bukayo Saka (esterno d’attacco dell’Arsenal).

I tre atleti hanno ricevuto minacce di morte ed offese razziste del tipo: “Tornatene in Nigeria, fo***to negro“, “scimmia“, “spero tu muoia presto“. Per alcuni di loro, il momento di gloria, è giunto al termine perché la polizia inglese ha rintracciato quattro persone e le ha ammanettate. A riportare questa notizia è il ‘National Police Chiefs Council‘ direttamente dal proprio sito.

LEGGI ANCHE >>> Tifoso inglese con coppa tatuata: “Ero sicuro della vittoria, lo rifarei”

Queste le parole del commissario capo della polizia, Mark Roberts: “Se indagheremo e scopriremo che siete anche voi dietro a questo crimine, vi rintracceremo senza problemi. Non solo: affronterete serie conseguenze le vostre vergognose azioni”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Jadon Sancho (@sanchooo10)

Nel frattempo arrivano le parole di uno degli atleti che ha fallito dagli undici metri, Jadon Sancho: “Chiedo perdono per il rigore, ma l’odio non vincerà mai”. Gli fa eco Saka che attacca: “E’ inaccettabile quest’odio: nessun bambino o adulto deve riceverlo. Ringrazio la mia famiglia per essermi stato vicino sempre. I social non stanno facendo abbastanza per fermare questi messaggi. Sono e siamo stati male per tutti le frasi che abbiamo ricevuto“.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da God’s Child 😇 (@bukayosaka87)