Poco prima della mezzanotte di una domenica di tarda primavera è arrivata la morte del giovane cantante, ex Amici, Michele Merlo: la causa del decesso.

Michele Merlo
Foto Screen Instagram

Il giovane cantante Michele Merlo, 28 anni lo scorso 1 marzo già in gara ad  X Factor e ad Amici 2017 è morto nella tarda serata di ieri, domenica 6 giugno, all’Ospedale Maggiore di Bologna.

L’ artista era ricoverato da giovedì scorso nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale felsineo, dopo essere stato colpito da una emorragia cerebrale determinata da una leucemia fulminante.

—>>> Ti potrebbe interessare anche Speculare sul suicidio di Seid Visin per fare propaganda ideologica è vergognoso

Morte Michele Merlo, il post premonitore

Michele Merlo era stato sottoposto immediatamente ad un delicato intervanto chirurgico che però non aveva sortito l’effetto desiderato. Le condizioni di Merlo, in arte Mike Bird, erano apparse subito gravissime tanto che il Papà aveva dichiarato al TG di Bassano che “le speranze erano ridotte al lumicino”.

Ma la morte del cantante, rivelatosi nell’edizione 2017 di Amici, quella vinta da Andreas Muller e nella quale si era classificato quinto, non mancherà di suscitare aspre polemiche.

In una nota ufficiale diffusa la sera di domenica, poco prima del decesso, la famiglia del ragazzo ha fatto sapere che “Michele si sentiva male da giorni e mercoledì si era recato presso il pronto soccorso di un altro ospedale del bolognese”.

Durissima e drammatica l’accusa dei parenti di Merlo: “Probabilmente – si legge nella nota – scambiando i sintomi descritti per una diversa, banale forma virale, lo aveva rispedito a casa”

In un post Instagram messo online il tardo pomeriggio di giovedì 3 giugno lo stesso Michele Merlo aveva evidenziato lo stato di malessere: Vorrei un tramonto ma mi esplode la gola e la testa dal male. Rimedi?”. E’ il suo ultimo post prima di perdere conoscenza, prima di affrontare il viaggio verso la fine della sua giovane Vita. 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Michele Merlo (@michelemerlo)