L’uomo accusato della morte di Chiara Ugolini si è tolto in carcere. Il cadavere senza vita è stato rinvenuto dalle forze dell’ordine.

Carcere
Carcere (screenshot video YouTube)

Si è tolto la vita l’uomo accusato della morte di Chiara Ugolini. Secondo quanto raccontato dal segretario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria riportato da La Repubblica, il 38enne siciliano si è impiccato nella notte tra il 26 e il 27 settembre e il corpo senza vita è stato rinvenuto dagli inquirenti solamente intorno alle 5:30.

Purtroppo ormai non c’era più niente da fare e il personale sanitario ha potuto constatare solamente il decesso. Sono in corso gli accertamenti per capire meglio quanto successo, ma molto probabilmente il gesto è collegato proprio con la morte della 27enne. Fino a questo momento l’uomo si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere ma proprio oggi aveva un nuovo interrogatorio. Sono comunque in corso tutti gli approfondimenti del caso per cercare di ricostruire meglio l’accaduto.

LEGGI ANCHE <<< Omicidio Verona, nuova pista: spunta lo straccio con la candeggina

L’omicidio di Chiara Ugolini

Polizia penitenziaria
Polizia penitenziaria (screenshot video YouTube)

L’omicidio della 27enne è avvenuto lo scorso 5 settembre in un paesino in provincia di Verona. Il corpo senza vita è stato rinvenuto dal compagno della donna e le indagini si sono concentrate subito sul vicino di casa, un uomo ai domiciliari per rapina e che ha fatto perdere le sue tracce per due giorni subito dopo l’accaduto per poi essere arrestato dai carabinieri.

Secondo le prime ricostruzioni, il 38enne ha notato la giovane in intimo in casa e si è messo in testa di poterla avere. La ragazza, però, ha lottato opponendosi al tentativo di stupro. Così lui l’ha uccisa.

LEGGI ANCHE <<< Verona, donna trovata morta a casa del fidanzato: fermato un uomo

Una vicenda che stata per giorni sulle pagine di cronaca italiana con la condanna che è stata immediata. L’uomo in carcere non ha mai confessato quanto successo nonostante i continui interrogatori. Ora la scoperta del corpo senza vita in carcere. Un suicidio che sa tanto di ammissione, ma sono comunque in corso gli accertamenti per avere delle certezze su quanto successo.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM