Parigi, sono state fermate due ragazze che avrebbero prima investito e poi ucciso una ragazza italiana nella cittadina francese. Sono state accusate di omicidio involontario

Miriamo Segato (screenshot video YouTube)

Lunedì 15 giugno, dopo l’una di notte, Miriam Segato 31enne originaria di Capalbio (in provincia di Grosseto) è stata investita da un monopattino nelle strade di Parigi. La ragazza italiana ha battuto violentemente la testa per terra, mentre stava passeggiando su una stradina lungo la Senna prima di essere stata travolta. Stava per raggiungere alcuni colleghi di lavoro ed in quel momento stava parlando con una sua amica.

Dopo il colpo la ragazza ha subito perso conoscenza (entrando in coma) ed è stata trasportata immediatamente all’ospedale Pitiè-Salpètriere. Purtroppo le sue condizioni sono notevolmente peggiorate e tra la notte di mercoledì 16 e giovedì 17 la povera Miriam è passata a miglior vita. Non solo: alcuni testimoni hanno dichiarato che altre persone non hanno esitato nel rubarle alcuni oggetti personali quando la ragazza era a terra priva di sensi.

LEGGI ANCHE >>> Monopattino elettrico pirata travolge 31enne: muore una italiana a Parigi

Due agenti, che stavano pattugliando la Senna hanno soccorso la vittima con un massaggio cardiaco, fino a farla riprendere il battito per il trasporto in ospedale.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM

Parigi, italiana investita ed uccisa: fermate due infermiere

Nel frattempo la polizia francese ha fermato due ragazze che avrebbero causato l’incidente e ucciso l’italiana. Si tratta di due infermiere che, quella sera, erano ubriache. Sono state accusate di omicidio involontario alla guida di un veicolo motorizzato.

L’incidente è accaduto in via Georges Pompidou, dove le due ragazze si sono date subito alla fuga senza prestare alcun minimo di soccorso. Hanno fatto perdere le loro tracce per poco tempo, visto che sono state subito rintracciate dalla polizia. A riportare questa notizia è il quotidiano francese ‘Le Parisien‘.