Covid, la situazione in Russia sta peggiorando ogni giorno di più. Nelle ultime settimane sono aumentati sia i casi positivi che i morti, nelle ultime 24 ore c’è da registrare un “record”

Covid Russia morti record
Covid, allarme in Russia (screenshot video YouTube)

In Russia è allarme Covid. Non che nelle altre nazioni del mondo la situazione sia delle migliori, ma nel paese davvero arrivano numeri critici. Purtroppo c’è da registrare un nuovo “record” che di positivo non ha davvero nulla. Da quando è iniziata l’epidemia che ha messo in ginocchio tutto il mondo, arrivano preoccupanti numeri per quanto riguarda quello dei decessi. Non sono mai stati così tanti da quando la pandemia ha iniziato il suo cammino.

Sono ben 1.178 i nuovi morti dovuti al Coronavirus. Ad annunciarlo sono state le stesse autorità sanitaria del luogo che hanno emanato l’ultimo bollettino: 240.871 i decessi, in totale, che hanno colpito la Russia. Anche se questi dati non trovano delle conferme ufficiali, visto che alcune fonti parlano di quasi 660mila morti. Non migliora la situazione neanche per quanto riguarda i nuovi positivi che hanno contratto il virus: sono ben 39.008 le persone che sono state contagiate e che attualmente si trovano in isolamento fiduciario nelle loro abitazioni o nelle terapie intensive russe.

LEGGI ANCHE >>> Covid, allarme contagi dalla Russia alla Gb: possibile nuovo lockdown?

Covid, numeri allarmanti in Russia: la situazione è preoccupante

In questo momento più di 8 milioni di persone stanno affrontando la loro battaglia contro il Covid. Le città più colpite, in particolar modo, sono la capitale Mosca e San Pietroburgo. Ricordiamo che pochi giorni fa il presidente Vladimir Putin ha comunicato, in diretta tv, che fino al 7 novembre i lavoratori non essenziali dovranno restare obbligatoriamente nelle loro case.

LEGGI ANCHE >>> Covid, è allarme in Russia: numeri da record dall’inizio dell’epidemia

Per quanto riguarda lo stipendio non c’è alcun problema visto che il governo pagherà il tutto. Ovviamente questa decisione è stata presa per limitare il diffondersi del virus ed evitare una possibile quarta ondata (anche se i numeri sono preoccupanti).

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM