Due bambine 23 anni fa sono state scambiate in culla. Ora la loro storia è diventata un film che andrà in onda su Rai 1 giovedì 16 settembre 2021.

Neonatologia
Neonatologia (screenshot video YouTube)

Due bambine sono state scambiate in culla 23 anni fa a Mazara del Vallo. Come riportato dal Corriere della Sera, la vicenda è avvenuta la notte di Capodanno nel 1998. Le due bimbe sono venute alla luce in ospedale con lo stesso ginecologo e gli stessi infermieri. Uno scambio avvenuto in modo involontario e nessuno se ne è accorto fino ai tre anni quando una maestra, vedendo la somiglianza di una ragazzina con la mamma della compagna l’ha affidata a lei.

La donna obiettò dicendo che non era sua figlia. Da qui sono iniziati tutti i controlli del caso e si è arrivati alla scoperta dello scambio. Una notizia che ha sconvolto in un primo momento, ma successivamente sono diventati una unica famiglia. Ora condividono le mamme e sono inseparabili. Una storia pronta a diventare un film.

LEGGI ANCHE <<< Due bambine scambiate alla nascita, richiesto risarcimento milionario

La storia è diventata un film

La storia di Caterina e Melissa è diventata prima un libro e poi un film. Giovedì 16 settembre 2021 su Rai 1 andrà in onda Sorelle pe Sempre, un film dedicato proprio alle due ragazze scambiate nella culla quando erano neonate.

Tutti i personaggi che hanno fatto parte della vita, sia direttamente che indirettamente, delle due ragazze faranno parte del film, ma per le famiglie la notorietà potrebbe essere solo all’inizio. Le mamme e le figlie sono pronte al grande salto e andare in televisione per raccontare nei dettagli la loro storia e diventare un vero esempio per tutte le persone vittime di scambio nella culla.

LEGGI ANCHE <<< “Che bisogno c’è di mancare di rispetto a milioni di fedeli?”: polemica per il Gesù Lgbt

Solo qualche giorno fa è uscita una notizia simile in Spagna. Ma in quel caso non c’è stata nessuna condivisione da parte della giovane. Anzi è stata avanzata una richiesta di un risarcimento di 3 milioni di euro all’ospedale che ha fatto lo scambio.

SEGUI DAMIANO ER FAINA SUI SOCIAL! INSTAGRAM    FACEBOOK    TELEGRAM